Positano News - Notizie dalla Costiera Amalfitana Penisola Sorrentina Campania - Positano News

Bimba di italiani a Parigi si chiama Andrea ma il tribunale le cambia nome: "E´ maschile"

Più informazioni su

 

Mantova, secondo la legge non si può usare un appellativo che identifica in maniera equivoca la sessualità: dovrà usare il nome alla francese 07:29 – Il Tribunale civile di Mantova ha ordinato ai genitori di cambiare nome alla propria bambina di 5 anni, nata a Parigi ma di nazionalità italiana, da Andrea in Andrée. La motivazione è che “Andrea è un nome prettamente maschile e, inoltre, deriva dal greco antico che indica virilità”. Il caso è nato quando la coppia ha chiesto la trascrizione dell’atto di nascita della bambina al loro Comune d’origine, Castiglione delle Stiviere, nel Mantovano. La bimba, nata a Parigi, vive ancora in Francia ma ha la cittadinanza italiana. L’ufficiale di stato civile ha iscritto la bimba con il nome di Andrea ma ha segnalato la cosa alla procura della Repubblica di Mantova. Di qui il procedimento civile in cui il pubblico ministero è stato il procuratore di Mantova Antonino Condorelli. Il quale aveva chiesto di premettere al nome Andrea quello di Giulia. Il giudice, invece, ha optato per la versione francese Andrée, femminile di André, ordinando all’ufficiale di Stato civile di Castiglione di rettificare l’atto di nascita della bimba. Il giudice, armato di vocabolario, ha letteralmente trascritto il significato del nome Andrea. A questo si aggiunge che è il terzo nome italiano per diffusione e la legge impedisce di utilizzare appellativi che non identifichino in maniera corretta la sessualità. Chissà cosa dirà da grande questa bimba che tutti, ovviamente, continueranno a chiamare Andrea ma che, tornando in Italia, si vedrà riconoscere con un nome diverso.

FONTETGCOM24

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Positano News, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.