Positano News - Notizie della Costiera Amalfitana Penisola Sorrentina Campania - Positano News

MAXI LOPEZ SEGNA IL RIGORE CONTRO IL CATANIA MA PIANGE, PRIMA DEL SUO ADDIO E PASSARE AL MILAN VIDEO

Più informazioni su

CATANIA –  Segna il rigore che, nel secondo tempo, dà il momentaneo 2-0 al Catania sul Palermo e dopo la felicità si commuove, con le lacrime che segnano il suo volto. È la strana esultanza di Maxi Lopez che potrebbe avere giocato la sua ultima gara al Massimino, in attesa di un suo possibile passaggio al Milan a gennaio. La stessa scena si ripete poco dopo quando Vincenzo Montella lo sostituisce: l’attaccante argentino esce in lacrime tra gli applausi del pubblico, che i tifosi leggono come un addio certo dell’attaccante argentino che si siede commosso in panchina. Ai supporter del Catania resta però una speranza: la stessa scena si registrò a fine campionato con Marco Biaggianti, dato per partente. Anche in quell’occasione lacrime e commozione, ma poi il centrocampista è rimasto in Sicilia, alle falde dell’Etna.

“NON CONOSCO IL MIO FUTURO” «Il mio futuro? Ancora non so qual è». Così Maxi Lopez parla del suo possibile trasferimento al Milan, nel dopo Catania-Palermo vinto dagli etnei 2-0 al Massimino. «Il Milan, secondo me – aggiunge ai microfoni di Sky – è la squadra più importante d’Italia,e per me sarebbe una grande gioia. Però adesso sono del Catania e manca una sola partita alla fine dell’anno, poi si vedra…». «Oggi mi sono commosso – ammette l’attaccante argentino – perchè arrivo da una settimana dura, non sapevo che se avrei giocato e poi segnare è stato importante per me, perchè non si sa mai cosa può succedere. Io ho lasciato tutto per venire in questa città, per questa società e per i miei compagni».

MONTELLA: “PIANGE PERCHÉ RESTA” Maxi Lopez segna nell’ultima partita casalinga del Catania nel 2011, e Vincenzo Montella ironizza. «Se significa che va via dal Catania? È ancora difficile, molto spesso sul mercato ci si sbaglia: magari ha pianto perchè sa che dovrà rimanere…», ha detto il tecnico degli etnei a Mediaset Premium. «Il Palermo non fa gol in casa e noi venivamo da due sconfitte consecutive, quindi questo derby era temibile. Lo abbiamo giocato bene, con testa e qualit… e direi che alla fine la nostra vittoria sia ampiamente meritata», ha aggiunto

Fonte:leggo

http://www.leggo.it/video.php?id_news=154309&idv=12246

 

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Positano News, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.