Positano News - Notizie della Costiera Amalfitana Penisola Sorrentina Campania - Positano News

“Il cavallo napoletano fra storie e mito : La rinascita di un emblema di Napoli.

Più informazioni su

 

Comunicato di Cecilia Coppola

 

A Piano di Sorrento il 1 ottobre a Villa Fondi si terrà un evento importante  il cui grande protagonista sarà “Il cavallo napoletano fra storie e mito: La rinascita di un emblema di Napoli. Esibizione con figure di alta scuola“

L’evento scaturisce dalla costituzione dell’ Accademia di Arte Equestre Napoletana, un’arte nata proprio a Napoli nel XVI secolo grazie a Federico Grisone, primo cavallerizzo nella storia a pubblicare un trattato di equitazione. L’uomo che ha dato vita a tale Istituzione e  ne è presidente è Giuseppe Maresca che, con tenacia, forte volontà, grande passione per questo animale si prefigge di  ridonare a Napoli il simbolo di questo cavallo, come lo era stato per più di 2000 anni, e la tradizione equestre, l’arte di cavalcare, che dalla città partenopea si diffuse in tutta Europa.

 “Non bisogna dimenticare – spiega Maresca – il legame ancestrale che unisce il cavallo,la  storia e un territorio, quale la nostra Campania felix. Il cavallo napoletano sarà di nuovo a galoppo, sarà il cavallo vivente, quello marciante, nella funzione attiva con l’uomo nel cammino congiunto verso una nuova e dilagante vitalità, Il cavallo napoletano è una nobile stirpe da guerra conosciuta nel Cinquecento per le sue pericolose sgroppate all’ indietro, considerato estinto dal Seicento in poi.  Determinante è stato per me, diciannovenne, il 1969 quando  avevo accompagnato mio padre per motivi di lavoro in Brasile dove un latifondista del posto tra una piantagione di caffè e una scuderia di meravigliosi esemplari di tutte le provenienze, mi parlò dello splendido cavallo napoletano, perché interessato ad un acquisto. Al mio ritorno in Italia mi accorsi che questa razza era estinta e subito iniziai la mia faticosa strada di ricerca sulle tracce dell’ esemplare scomparso.”

Giuseppe Maresca infatti  ne trova tracce nei dipinti dell’ epoca, nelle incisioni di Ridinger, visiona e prende le misure perfino agli scheletri dei cavalli rinvenuti negli scavi di Pompei ed Ercolano, si fa una cultura sempre più ampia, risale agli Etruschi che introdussero la razza migliorata con gli incroci con razze berbere, in epoca romana. I primi allevamenti li trova a Capua e a Nola e in Serbia rintraccia il primo cavallo, Neapolitano visto nelle riproduzioni dei libri. Ora il suo Neapolitano III (detto Delfino), erede di nobile discendenza, ha quattro anni e fa parte del suo piccolo allevamento sui Colli di San Pietro  a Piano, dove una decina di esemplari sono allevati con cura, appartenenti geograficamente alla stirpe dei Vicalvano Scuderia

 “ Proprio in Penisola sorrentina, la rinascita del nobile animale, statuario ed elegante emblema di Napoli, deve attrarre l’attenzione dei nostri amministratori per l’incremento anche di flussi turistici e un’alternativa di elite. E’ un segnale  – afferma – che mi auguro non verrà trascurato anzi esaltato e rilanciato con iniziative eco-compatibili, di valorizzazione e salvaguardia ambientale”

Certamente nel qualificante impegno del Maresca possiamo individuare le radici della nostra terra che ritornano salde e profonde e che dobbiamo tramandare alle nuove generazioni perché comprendano quale animale speciale sia il cavallo e come questa razza leggendaria che ritorna a galoppare costituisca una grande possibilità non solo di sviluppo ma anche fonte di cultura, di scienza e di storia che un uomo come questo imprenditore napoletano del “ caffè”  ha riassorbito dal passato e gli ha ridato vita per la vita stessa della madre terra.

L’aver accolto a Villa Fondi questa manifestazione darà la possibilità ai visitatori e agli appassionati di Arte equestre, nel suo significato più ampio, di ammirare nelle Sale del Museo Archeologico “Georges Vallet”  anche esplicative Mostre come  “Gli scheletri dei cavalli scoperti negli scavi di Pompei ed Ercolano” Curatore Tommasina Buretta Direttore Archeologo Coordinatore della Soprintendenza Speciale per i Beni di Pompei ed Ercolano, che ha messo a disposizione la sua qualificata competenza professionale e il suo desiderio di far conoscere questo primo museo archeologico territoriale della penisola sorrentina che nasce il 17 luglio 1999 dall’esigenza di raccogliere la documentazione e i risultati delle più recenti campagne di scavo per ricostruire le fasi di popolamento e di trasformazione del territorio dall’età preistorica fino a quella romana.La  Pittura Contemporanea sul cavallo napoletano”-  Personale di Gaetano di Riso e Testimonianze di Pasquale Flaminio Curatore Antonino Russo, “Stampe nei secoli raffiguranti il cavallo napoletanoCuratore Carlo Maresca di Serracapriola.

 

Inoltre il programma  è ben articolato e ricco di eventi nell’evento secondo il calendario che riporto di seguito

Alle ore 16.30 nei Giardini Villa Fondi

Esibizione del cavallo di razza napoletana in figure di alta scuola classica napoletana eseguite dallo stallone Nobilissimo II di Vicalvano condotto dallo scudiero Antonio Ambrosanio. L’esibizione sarà accompagnata da musica classica

 

Alle ore 17.30 Sala convegni Villa Fondi

La favola del cavallo” di Maria Orsini Natale e S. Scia – lettura di Domenico Orsini

 

Seguirà il  Meeting culturale “Il cavallo napoletano tra storia e mito” presieduto da

Jean-Noël SchifanoGiornalista, scrittore, accademico

Interventi di

Maria-Perna FranchiniScrittrice

Domenico OrsiniGiornalista, autore, attore, regista

Federico L. I. FedericoArchitetto Urbanista

Giuseppe MarescaPresidente Accademia napoletana arte equestre

Tommasina BudettaDirettore Museo Archeologico Villa Fondi

Porteranno il saluto  Giovanni Ruggiero  Sindaco di Piano di Sorrento,Paolo RussoPresidente Commissione Agricoltura della Camera,Piergiorgio SagristaniAssessore Provincia di Napoli Turismo e Sviluppo

 

Le favole interpretate da Peppe Barra concluderanno la serata 

 

La manifestazione ha il sostegno della Provincia di Napoli, Città di Piano di Sorrento,

il patrocinio della Regione Campania,  Fondazione Sorrento,

la collaborazione della Associazione Culturale Cypraea-onlus, della  Fidapa Penisola Sorrentina, e dell’Unitre di Piano di Sorrento e del Centro Anziani

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Positano News, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.