Positano News - Notizie della Costiera Amalfitana Penisola Sorrentina Campania - Positano News

“…VIAGGIO IN ITALIA” CON I CONCERTI D’ESTATE DI VILLA GUARIGLIA IN COSTIERA DEI FIORI

Più informazioni su

 

Si è osservato che travel, viaggio, e travail, il travaglio del parto, hanno in inglese la stessa radice. Patimento e vita nuova, nella medesima esperienza, scelta di libertà. Sarà questo il tema della dodicesima edizione dei “Concerti d’estate di Villa Guariglia in Costiera dei Fiori”, nati proprio per evocare un viaggio, quello che portò Peter Willburger, e con lui, nel tempo, una miriade di artisti in Italia, in particolare, sulle nostre coste i cui colori, profumi e profili, seppero stregarli, ispirarli, trattenerli. La rassegna, organizzata con il contributo del Comune di Vietri sul Mare, della Regione Campania Assessorato Agricoltura ed Attività Produttive, della Camera di Commercio di Salerno, della Provincia di Salerno, del Centro Studi Salernitani “Raffaele Guariglia”, della Fondazione Cassa di Risparmio Salernitana, dell’Ept di Salerno ed il patrocinio del Conservatorio Statale di Musica “G.Martucci” di Salerno e della Coldiretti, è da sempre un contenitore di itinerari: musicali, ceramici, enogastronomici e oggi floro-vivaistici, turistici. Francesco Nicolosi, direttore artistico della sezione classica, ha dedicato la propria sezione al celeberrimo “Italienische Reise” di Wolfgang von Goethe, elaborato tra il 1786 e il 1788, ma, noi, desideriamo fare un passo indietro e citare quel “Viaggio musicale in Italia”, brogliaccio di ricerche e impressioni appuntate dall’inglese Charles Burney, musicista, umanista, spirito illuminato e curioso, il quale nel corso della sua discesa in Italia, nel 1770, intese reperire documenti e testimonianze dirette sullo stato della musica nel nostro paese. Sono otto i prestigiosi appuntamenti del cartellone classico di Villa Guariglia. Il manifesto di questa edizione, volendo dare visibilità al patrimonio globale dei Musei salernitani, propone come immagine un dipinto di Olga Schiavo, Sonata a memoria, un olio su tavola della metà degli anni Trenta, parte del lascito testamentario della stessa pittrice salernitana.

Il nostro viaggio inizierà il 9 luglio proprio da Napoli, ove nel diario del viaggio in Italia, Burney, in visita al Conservatorio di Sant’Onofrio, nel 1770, scriveva che “Clarini e trombe sono obbligati a starsene su per le scale e a’piani superiori”, anticipando con questa frase la nascita del magistero napoletano che, per la storiografia più comune, vorrebbe fondata da Ferdinando Sebastiani, solo nel 1847. La tappa napoletana vedrà infatti protagonista la Nuova Orchestra Scarlatti, che presenterà, quali solisti, uno dei massimi rappresentanti della scuola napoletana di clarinetto, Gaetano Russo, unitamente al soprano Paola Quagliata e alla voce popolare e tammorre di Romeo Barbaro, per un itinerario nella infinita produzione musicale partenopea. Ad aprire, come di consueto, la rassegna giovedì pomeriggio sarà l’inaugurazione della mostra del Museo Provinciale della Ceramica a Raito di Vietri sul Mare. Recenti annessioni, nuovi studi, I ” a cura di Matilde Romito, dirigente del settore Beni Culturali Musei e Biblioteche della Provincia di Salerno. L’11 luglio Cristiano Rossi (violino) e Leone Magiera (pianoforte) proporranno un concerto omaggio a Luciano Pavarotti (questo appuntamento è offerto dal Centro Studi Salernitani “Raffaele Guariglia” in collaborazione con l’Adac di Modena). Domenica 12 luglio la Compagnia Teatro degli Eventi presenta “Tu che m’hai preso il cuor” con Maurizio Merolla e le “Follie del Café Chantant”, spettacolo offerto dal Centro Studi Salernitani Raffaele Guariglia. La giovanissima pianista coreana Yoo Jae-Kyung, vincitrice del concorso pianistico Internazionale Vietri sul Mare 2008, inaugurerà il 14 luglio la mini-rassegna “Nel segno della donna”, con un omaggio al demone romantico di Niccolò Paganini schizzato da Brahms e Liszt, oltre che eseguire un Impromptus di Schubert e “Los requiebros” di Granados. Il 19 luglio per 5 ore, a partire dalle ore 19, si suonerà oltre i confini con gli artisti del Conservatorio “G. Martucci” che offriranno una bianca notte di note per sostenere la ricostruzione del Conservatorio “A. Casella” di L’Aquila (10 euro il costo del biglietto). Il 21 luglio sarà ancora protagonista il clarinetto, questa volta affidato all’ancia di Stefano Bartoli, che si presenterà in trio con Francesco Nicolosi al pianoforte e Luca Signorini al violoncello. Due gli autori Robert Schumann del quale ascolteremo i fünf Stücke im Volkston, Op.102 per violoncello e pianoforte e i Phantasiestücke op.73 per  pianoforte e clarinetto, opere coerenti rappresentante quel particolare mondo poetico schumanniano proposto attraverso un linguaggio sobrio, intensamente espressivo e scevro da ogni effimero effettismo e Johannes Brahms, con il suo trio in La minore op.114, opera di fortunata ispirazione, ricca di trovate armoniche, assai raffinata nel dettaglio. Il 23 luglio primo dei due appuntamenti con i giovani dei conservatori campani scelti attraverso dure selezioni. Ad inaugurare questo segmento del cartellone il chitarrista Antonio Pezzullo, seguito dal duo composto dal violinista Daniele D’Andria e dalla pianista Rossella Giordano. Il 24, saranno di scena i fratelli Angelo e Francesco Pepicelli, che attraverso i loro strumenti, il pianoforte e il violoncello, ci accompagneranno in un Grand tour, attraverso Italia, Germania e Francia, eseguendo pagine di Martucci, Schumann, Faurè, Debussy e Offenbach. Il valore, le capacità e persino il talento di chi scrive musica è convinzione comune che emergano in tutta la loro effettiva consistenza nelle pagine per due violini, viola e violoncello. Sebbene una simile affermazione non corrisponda meccanicamente alla realtà storica, è comunque innegabile che per un compositore il quartetto d’archi rappresenti uno speciale banco di prova. Il 25 luglio i danzatori dell’Associazione Campania Danza e Borderline presentano “VARIAZIONI…DI DANZA” per la regia e coreografia di Antonella Iannone e Claudio Malangone (7 euro il costo del biglietto).  Il 28 luglio ribalta per il Quartetto Mitja, formato da Georgiana Strazzullo e Sergio Martinoli al violino, Mariateresa Pagano alla viola e Andrea D’Angelo al cello, che eseguiranno opere di  W.A. Mozart, F.J.Haydn e F.Mendelssohn. Il luglio dei concerti d’estate sarà chiuso, il 31, dai migliori allievi delle nostre massime istituzioni musicali: l’Ensemble di percussioni del Martucci di Salerno e il Nicola Sala Saxophone quartet del conservatorio di Benevento. Gran finale il 4 agosto con la celebrazione del 200° anniversario della nascita di Felix Mendelssohn, affidato al quartetto Felix che porta il nome del genio di Amburgo, composto da Carlo Coppola al violino, Gianfranco Conzo alla viola, Nicola Dario Orabona al violoncello e Umberto Garberini al pianoforte, con l’esecuzione dell’opus n°1 e n°2.

 

IL JAZZ DEI “CONCERTI DI VILLA GUARIGLIA”

Billie Holiday è stata e sempre sarà un simbolo della solitudine: una vittima dell’ “American way of life” come donna, come nera e come cantante jazz. Di Lady Day, il soprannome donatole dal “suo” Lester, Lester Young, che ricambiò, nominandolo “The Pres”, è stato detto tutto. Quest’anno la sezione jazz dei Concerti d’estate di Villa Guariglia, celebrano il cinquantenario della sua scomparsa, che avvenne qualche mese dopo quella di Lester Young. Billie Holiday è stata vista come l’eroina del jazz, ed il suo genio musicale, sofisticato, ineguagliabile sarà evocato il 18 luglio da una delle più raffinate vocalist italiane, Ada Montellanico, che si presenterà in quartetto, accompagnata da Giovanni Ceccarelli al piano, Pietro Ciancaglini al contrabbasso e Nicola Angelucci alla batteria, sul palcoscenico di Villa Guariglia (10 euro il costo del biglietto). Evocativo, a tratti aereo, sempre raffinatissimo è l’ultimo lavoro del Giuliana Soscia & Pino Jodice Italian Tango Quartet, completato da Aldo Vigorito al contrabbasso ed Emanuele Smammo alla batteria,“Latitango”, prodotto dalla Splash records, che verrà presentato a Villa Guariglia il 16 luglio. Un florilegio di opere di Piazzolla quello che la Scioscia proporrà che fanno parte del sentire di tutti noi, da un incantevole Libertango, il cui segreto è stato completamente svelato nella sua introduzione, in cui la Soscia strega l’ascoltatore proprio nel suo offrirgli troppo facili, e in fondo rassicuranti, appigli transtilistici, calandolo in un ideale momento di sintesi tra i molteplici rimandi che la musicista intende riecheggiare nel suo stile, sino ad Adios Nonino, un omaggio al tango a quella sfida perenne tra il mantice e gli altri strumenti, simbolo di quel popolo che si è messo finalmente in moto, in “Viaggio”, con la sua musica, il suo simbolo, il “Mito” del tango che allora nasceva.Il 30 luglio la rassegna ospiterà un evento organizzato in collaborazione con il ristorante il Modo che saluterà ospite la voce di Giovanni Guidi, sostenuto da un quintetto composto dai salernitani Giovanni Amato, Daniele e Tommaso Scannapieco, Amedeo Ariano con Riccardo Biseo al piano con cui esplorerà la formula del ”One Man Show” e del teatro di contaminazione, presentando ”Del recitar cantando ovvero, parole (cercasi Autore)…”, ripercorrendo alcune tappe della carriera e della sua vita  inerpicandosi attraverso il ruolo del performer di razza, che esplora per dovere le piu’ disparate forme di linguaggio, da Shakespeare a Neil Simon passando per Bacharach, Sinatra e i musical di Broadway (10 euro il costo del biglietto). Doppio appuntamento, infine domenica 2 e lunedì 3 agosto nella Villa comunale di Vietri ove l’intrattenimento musicale sarà affidato alla Louis Armstrong Band, con un ritorno alle origini e alla leggenda di New Orleans, ove un Kid e un King, ovvero Buddy Bolden e Joe King Oliver dettarono i canoni fondamentali per la disposizione armonica e melodica del jazz sotto forma di polifonia e alla Musicateneo Funky Sistem, diretta da Giusy Di Giuseppe, per una serata in cui ritmi e sonorità differenti tra loro si mescoleranno per fondersi in strutture armoniche e formali, in cui lo spazio lasciato all’improvvisazione è spesso inserito in contesti compositivi di ricerca, senza preclusioni di stile e timbrica.

 LA MAPPA DEL GUSTO, LA CAMPAGNA ENOGASTRONOMICA ED I PERCORSI FLOROVIVAISTICI

Mappare il territorio attraverso i suoi sapori. Tracciare lungo i confini geografici i percorsi fatti di storia, cultura e tradizioni per poi riunirli in un’unica sinfonia, quella del Menù Concerto. Un incontro di prodotti unici. Così anche quest’anno torna con il festival “Concerti d’estate di Villa Guariglia” a Raito l’appuntamento con il gusto. Ad orchestrarne i menù saranno 16 chef di altrettanti ristoranti tra Vietri sul Mare, Cetara e Salerno che per tutta la durata della rassegna comporranno piatti, mettendo in tavola la tipicità. Mentre antipasti, primi, secondi e dessert saranno così “convocati alle arti culinarie” per conquistar palati; vasi, piatti, sculture, anfore ed ogni sorta di forma creativa vestita di ceramica vietrese dovranno pensare ad appagare il gusto del vedere. Oggetti nuovi ma dal sapor antico come le stoviglie, in formato da sei o nove, che lette in chiave personale dai ceramisti artigiani si faranno contenuto e contenitore. Ristoranti come galleria d’arte. Hall di alberghi come serre per mettere in mostra piante e fiori del salernitano. Tre giornate di assaggio per orientarsi tra i profumi e gli aromi dei formaggi e del miele, degli olii e dei vini made in Salerno. Venerdì 17 luglio l’Hotel La Lucertola ospiterà dalle ore 20 l’educazione al gusto del vino a cura della delegazione campana Donne del Vino e del formaggio in collaborazione con lo STAPA CEPICA di Salerno. Domenica 2 agosto e lunedì 3 agosto in Villa Comunale ci sarà rispettivamente l’educazione al gusto del formaggio e miele e il laboratorio dedicato all’Olio Extravergine di Oliva Cilento e Colline Salernitane DOP, realizzati in collaborazione con lo STAPA CEPICA di Salerno. Protagoniste di gusto saranno le aziende di qualità certificata del nostro territorio.

L’Ufficio Stampa: Concita De Luca 328 0261294 – Olga Chieffi 3478814172

  

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Positano News, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.