Positano News - Notizie della Costiera Amalfitana Penisola Sorrentina Campania - Positano News

Fabrizio De André. 80 anni fa nasceva il più grande cantautore italiano

Più informazioni su

Avrebbe oggi compito 80 anni, se non se ne fosse andato l’11 gennaio di ventuno anni fa, il più amato cantautore della musica italiana contemporanea: Fabrizio De André. Il cantautore e poeta è nato a Genova il 18 febbraio 1940, in un verso della sua canzone Amico Fragile, diceva “Pensavo: è bello che dove finiscono le mie dita debba in qualche modo incominciare una chitarra”. Anarchico individualista, pacifista ed esponente della Scuola genovese, seppe stravolgere lo scenario della musica italiana con i suoi testi ribelli, talvolta considerati “scomodi”. Alla vigilia del suo compleanno, il 17 febbraio, è uscito nelle sale cinematografiche, il docufilm evento di Walter Veltroni “Fabrizio De Andrè e Pfm. Il concerto ritrovato” che, a conferma della fama dell’artista, è già primo al box office con un incasso di oltre 270 mila euro. Le immagini del concerto, tenutosi a Genova il 3 gennaio del 1979, riportano in vita quell’epoca storica attraverso un incontro tra il cantautore e una delle più famose rock band italiane. Il video dell’evento, che si considerava andato perso, era stato conservato dal regista Piero Frattari e ha subito un processo di restaurazione per permetterne la proiezione. Il docufilm, che resterà nelle sale ancora nelle giornate del 18 e del 19 febbraio, ha già conquistato 25 mila spettatori, raggiungendo il primo posto in classifica e spodestando “Gli anni più belli”, di Gabriele Muccino. Davanti anche a “Parasite”, il film di Bong Joon-ho vincitore degli Oscar 2020.

Esordì con il suo primo 45 giri nel 1961. Ma il vero successo arrivò nel 1964, con la pubblicazione de “La canzone di Marinella” ispirata da un fatto di cronaca letto su un giornale. Il brano fu interpretato tre anni dopo da Mina, e l’evento diede finalmente visibilità nazionale al cantautore genovese.

De Andrè arriverà a vendere 65 milioni di dischi nel corso della sua carriera, collaborando con i più grandi della musica italiana tra cui Mina, Nicola Piovani, la Premiata Forneria Marconi, Ivano Fossati e Francesco De Gregori. “La guerra di Piero” (pubblicata nel 1966), “Bocca di rosa” (dell’anno successivo), “Il pescatore” (del 1970) e “Crêuza de mä” (pubblicata nel 1984), sono solo alcuni dei famosissimi brani che vengono subito in mente se si pensa all’opera di questo grande artista.

Il 13 agosto del 1998 tenne il suo ultimo concerto a Roccella Ionica. Un altro evento era previsto il 24 a Saint-Vincent ma Faber lo annullò a seguito di un malore accusato durante le prove. Gli fu diagnosticato un carcinoma polmonare che decretò la fine delle sue esibizioni.

Nonostante il duro colpo, De Andrè continuò a lavorare al disco “Notturni” con Oliviero Malaspina, cantautore e poeta, ma non riuscì a terminare l’opera. Morì l’11 gennaio 1999, a seguito di un ricovero all’istituto dei tumori di Milano. I funerali si tennero due giorni dopo nella Basilica di Santa Maria Assunta di Carignano, dove una folla di più di diecimila persone si radunò per dare un ultimo saluto al genio della musica italiana.

A Genova, il 18 febbraio, per l’evento “Buon compleanno Faber”,diversi artisti genovesi si esibiranno al “Rumenta”, locale del capoluogo. Ma gli appuntamenti in onore di De Andrè coinvolgono tutta Italia:alle Fonderie Teatrali Limone di Moncalieri è previsto l’evento “Ottantavogliadifaber – Fabrizio De André raccontato”, mentre in Sardegna, terra amata dall’artista, fino al 29 marzo, andrà avanti “Buon compleanno Faber – Sulle rotte di Fabrizio de Andre”, un evento partito il 6 febbraio con il patrocinio della “Fondazione Fabrizio De Andrè Onlus” che vuole ripercorrere le storie, i temi e i luoghi centrali per la poesia del cantautore genovese.

A Napoli il 29 febbraio, in piazza Plebiscito si terrà il concerto “Cantata anarchica a Napoli per Fabrizio De Andrè” mentre a Milano, per approfondire i temi delle canzoni di Faber, è stato organizzato l’evento “L’Arte oltre il pregiudizio, Riflessioni sulla funzione dell’Arte nell’ambito della salute mentale ricordando Fabrizio De Andrè”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Positano News, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Translate »