Positano News - Notizie della Costiera Amalfitana Penisola Sorrentina Campania - Positano News

Kobe Bryant e l’attaccamento alla nostra terra: la sua figlia più piccola si chiama Capri

Il ricordo del campione di basket Kobe Bryant, morto in un incidente il 26 gennaio, è ancora vivo nei nostri cuori. A maggior ragione è bello ricordarlo per il suo attaccamento alla Costa d’Amalfi e Sorrento, oltre che l’Italia intera. Per molti anni la leggenda NBA ha vissuto in Italia, dove il padre giocava proprio a basket.

Kobe era italiano dentro, al punto da chiamare le sue splendide figlie con nomi italiani: Gianna Maria, morta con lui nell’incidente, Natalia Diamante, Bianka Bella e l’ultima, Capri, scegliendo con ogni probabilità il luogo dove era stata concepita.

Una tradizione di famiglia, papà Joe lo chiamò Kobe dopo un viaggio in Giappone: si era innamorato della bistecca kobe tipica di quel Paese e aveva deciso di dare al figlio lo stesso nome.

E’ anche per questo motivo che anche la Costa di Sorrento perde un pezzo di storia importante. Kobe appartiene a noi e la nostra terra appartiene a lui, in un legame che neanche la morte può cancellare.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Positano News, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Translate »