Positano News - Notizie della Costiera Amalfitana Penisola Sorrentina Campania - Positano News

Cotechino e lenticchie, perchè si mangiano a Capodanno e perchè portano fortuna? La ricetta

Più informazioni su

Cotechino e lenticchie, perchè si mangiano a Capodanno e perchè portano fortuna? La ricetta dal web cotechino e lenticchie sarà il piatto che finirà sulle tavole di milioni di italiani fra pochi giorni. Durante l’atteso cenone di capodanno, dai ristoranti stellati, passando alle locande di paese, arrivando fino alle semplici tavole dei privati, non potrà mancare quel gustoso piatto che piace a tutti e che mette soprattutto tutti d’accordo: nessuno storce infatti mai il naso di fronte ad una bella porzione di lenticchie e cotechino, tenendo conto tra l’altro del fatto che si tratta di un cibo molto nutriente e salutare, oltre che estremamente gustoso. Ma perchè c’è questa tradizione a Capodanno? Per scoprirlo dobbiamo tornare indietro di migliaia di anni nel tempo, e precisamente al periodo dei Romani. Sono stati loro, stando a quanto si legge sui libri di storia, ad aver introdotto per la prima volta il rito della lenticchia dopo la mezzanotte del 31 dicembre.

COTECHINO E LENTICCHIE A CAPODANNO: LA STORIA DELLO ZAMPONE
I nostri avi consideravano infatti quel legume come un vero e proprio investimento per i mesi a venire, e oltre a cibarsene, si usava anche regalarne un sacchetto a parenti ed amici, con la speranza che il tutto si trasformasse in delle monete. Una tradizione che è rimasta nel tempo, anche perchè ancora oggi si usa dire “Mangia le lenticchie che portano fortuna”, con la battuta sempre pronta “Se avessi avuto un euro per ogni lenticchia mangiata a quest’ora sarei ricco”. Per quanto riguarda il cotechino, o zampone, la prima testimonianza risale al periodo medioevale, e precisamente al 1511. La storia narra che Pico della Mirandola, filosofo ed umanista, consigliò ai mirandolesi, assediati dalle truppe del Papa, di macellare i maiali rimasti nelle stalle, mettendo la carne, per conservarla, all’interno della cotenna dei suini e delle zampe, con annesse delle spezie.

QUAL E’ LA RICETTA PER LO ZAMPONE?
Non c’è invece una data sui libri di storia in cui viene associata la lenticchia al cotechino, fatto sta che da anni si tratta di un cibo della tradizione italiana, senza dubbio fra i più buoni in circolazione. Ma qual è la differenza fra zampone e cotechino? Il primo è più calorico, in quanto la carne macinata del maiale viene messa nello zampone, mentre il secondo risulta essere più “leggero” in quanto il trito viene inserito nel budello, naturale o artificiale. La tradizione prevede comunque che l’impasto sia composto dal 60% di carni magre e fresche, dal 20% di cotenna tenera, e dal 20% di gola, guanciale e pancetta. La ricetta con le lenticchie esiste in svariate versioni, a cominciare da chi la fa aggiungendo della carne, senza dimenticarsi di verdure come ad esempio le patate, e chi più ne ha più ne metta: in ogni caso, è un piatto sempre ottimo.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Positano News, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.