Positano News - Notizie della Costiera Amalfitana Penisola Sorrentina Campania - Positano News

Amalfi e il canto di Capodanno

Riproponiamo per queste feste il canto di Capodanno dell’ing Ruggero Francese, il cui nome è legato alla Grotta dello Smeraldo,  ma che non disdegnava di dilettarsi in prosa e poesie. Non pretendiamo di sostituire la tradizionale canzone di Capodanno, ma affiancarla con un pregevole prodotto doc ,strettamente legato al territorio e alla storia amalfitana. Pregno di una visione proletaria di quell’epoca e quindi  figlio del suo tempo, oggi lo possiamo riguardare, senza nostalgie, per i valori letterari, come un prezioso e antico cimelio e magari riascoltarlo da qualche corale o gruppo folkloristico.

Questo canto popolare, scritto nel dicembre del 1946 dall’ing. Ruggiero Francese di Amalfi (per chi non lo ha conosciuto è colui che sveglio’ dal sonno dei secoli la meravigliosa grotta dello smeraldo), rappresenta un patrimonio, da preservare e trasmettere ai posteri. In esso è racchiusa la “memoria collettiva degli anni che furono” della classe operaia amalfitana, forse quella di tutta l’Italia meridionale, sopravvissuta al conflitto della seconda guerra mondiale, che con tutte le sue contraddizioni ha contribuito allo sviluppo, politico e culturale del Paese.

Capodanno dei Lavoratori dell’ing. Ruggiero Francese  Amalfi dicembre 1946

Introduzione

Venuto è l’anno nuovo

Venuto è finalmente,

Pe’ tanta e tanta gente

in aspettanza.

 

Ritorna cu’ speranza,

Ogni anno in questa notte,

Co’ tric-trac e botte

in allegria.

 

^^^^

 

Venette lu Messia

C’o voie, o ciucciariello,

li Maggi, o Vicchiariello

e la Madonna.

 

Dalla lontana sponda

‘na voce se sentette,

‘na luce se vedette

lucente assai.

 

Nun s’era visto mai

nu’ fatto accusi strano,

o munno sano sano

s’arrevutaie.

 

O popolo alluccaie:

evviva l’eguaglianza,

l’eterna fratellanza

e la giustizia.

 

Evviva l’amicizia

tra ricco e puveriello;

Nu’ cielo pe’ mantiello

Tutti tenimmo.

 

‘Na legge po’ vulimmo:

“Cca’ chi fatica magna”

pecche’, chesta cuccagna,

Troppo è durata!

 

Chiu’ d’uno a sta parlata,

avette a cacarella,

pigliaie a fujarella

E fuje ancora.

 

Era venuta l’ora

de rompere e catene,

de cunsula’ lli pene

all’innucienti.

 

Ma po’ cierti putienti,

passata a vermenaria,

tornarono cull’aria

ammartenata.

 

Facettere ‘adunata

Principi e farisei,

dicenne: ‘sti babbei

se so’ scetati.

 

Mo simmo arruvinati,

si nun facimme ampresso,

ma cca’ nisciuno è fesso

e l’aspettammo.

 

‘A cca’ nun ce ne jammo,

si no perdimmo a giobba,

ca’ tutta che sta rrobba

è rrobba nostra.

 

 

Pe’ ch’ella ca c’è costa

tenimmencella cara,

che a vita è troppa amara

Pe’ chi fatica.

 

Poc’ati jouorni trica,

e Giuda o traditore,

c’è venne o Redentore

Pe trenta lire.

 

E mo ce sta’ chi rire,

chi chiagne e se dispera,

e da’ matina a’ sera

nun trova pace.

 

E tu, famme capace,

mo so’ dojemillanni,

pecche’ chiesti malanni

ce stanno ancora?

 

Valeva a pena, allora,

de mette ‘ncroce a Cristo,

si l’ommo è sempre ‘nzisto

e mariuolo?

 

E chi scampa o biuolo,

e chi scampa a dispensa,

vurria sape’ che pensa

sta faccia ‘e fesso!

 

Ma o munno è sempe o stesso,

che vene, a dittatura?

Ognuno s’assicura

sotto a bannera.

 

Passa gagliarda e fiera

La nuova gerarchia,

va dritto all’osteria

de la cuccagna.

 

“Chi nun fatica magna …”,

era l’insegna nova

perciò’ mo’ nun se trova

nu’ poco e lardo.

 

E chi nu’ miliardo

chi ciento milioni,

tra Principi e Baroni

se so’ magnati.

 

Perciò simme restati,

parlanno co’ creanza,

na mano ‘ncoppa a panza

e n’ata arrete.

 

Sto munne overo fete,

vulette n’ata guerra,

e mo co’ culo ‘nterra

Simm’ arredutti.

 

Ca chilli farabutti

C’a famma imperiale,

ci hanno fatto ‘o stivale

comm’a gavetta.

 

Fucile e baionetta

e zaino affardellato,

o’ piello t’è salvato?

e paghe e tasse!

 

E tasse, e contrastasse,

chillo ca s’e’ ‘mbuscato,

muglierete a’ vasato

e tende a pezza.

 

Chi porta la capezza

chi tene ‘o scurriato,

sto munne sempe è stato

nu munno e ‘mbruoglie.

 

E chi se fotte l’uoglie

e chi s’arranfa a ‘nzogne

chi s’aggranfa cu ll’ogne

a lì Cumuni.

 

E tutti sti cugliuni,

se stanno sempre zitti,

sempre fritti e soffritti

comma a’ cepolla.

 

e lla’ nun piglia a colla,

cca’ manca o francobollo,

trentotto lire e bollo

ogni tre ore.

 

Io so lavoratore

e tengo dieci figli,

amor, che mi consigli?

“Forza e curaggio !”

 

Si po’ qualche rammaggio

Te coglie all’intrasatto,

è meglio fa nu patto

co’ Pateterno.

 

E’ meglio o’ fuoco eterno

ca na ricette e mierico,

vurria turna’ chierico

in oggi è sempre!

 

Cu’ “sempre” e cu’ latempre,

nun mangio a’ jeri o juorno,

e nun me metto scuorno

e fa’ sta vita.

 

E maccaruni ‘e zita

nun veco so’ a cinc’anni

e tengo sule e panni

ca tengo ‘ncuollo.

 

Nun saccio o capocuollo

chiu’ che sapore tene

e chille se ne vene

cu’ l’eguaglianza.

 

E mente che sta panza

me canta a traviata

a Londra s’e’ fissata

a cunferenza.

 

Tu vire quanta scienza!

Aprimmo o bailamme,

o munne a fuoco e fiamme

e po’ sta storia.

 

Ma chesta è ‘na baldoria

c’a’ dda’ ferni’ ‘na vota.

C’a’ capa già m’arrota,

si ce rifletto.

 

Cu’ chillo gabinetto,

cu’ tanta chiacchiaruni,

‘nu chilo e maccaruni

Cca’ nun se trova.

 

Pe’ fa ‘na cosa nova

te fanno ‘nata legge,

viato chi la legge

E la capisce.

 

O muro è tutto strisce,

partiti e partitielli,

io voglio e vermicelli

‘a aglio e uoglie!

 

Ann’a ferni’ ‘sti mbruoglie,

chi magna e chi fatica,

cu’ a zappa, a pala e a pica

tutto s’acconcia.

 

Co’ pane e oncia a oncia

a pasta e etto a etto

cca’ va fferni’ ca jetto

O sangue all’uocchie!

 

E tu nun me mpapuocchie

cu’ sta demucrazia

ca’ chesta litania

mo’ tutti a sanno.

 

E mo’ sta parlanno Trumanno,

e po’ parla Ciurcillo,

‘nu serpe pe’ capillo

me sento ‘ncapa.

 

Io credo è meglio ‘a crapa,

ca nun legge ‘o giurnale

ne’ sape ‘o Quirinale

che vene ‘a essere;

 

ca nun conosce ‘e tessere,

e sti duluri ‘e panza

tre liette e una stanza

tutta a famiglia;

 

tu vi’ che parapiglia

ce steve appreparato,

pe’ ‘nu pazzo sfrenato

e l’autarchia.

 

Pe chella frennesia

de fa’ o fondatore

avimmo perso o core,

a pace e o scuorno.

 

Mo sento pe’ cca’ attuorno

parla’ e munarchia,

segno, manca a pazzia

trova chiu’ pace.

 

Ma si nun ve dispiace

i song p’a Repubblica,

pecche’ è cosa pubblica

e manifesta.

 

“Forca, farina e festa”,

ma po’ squaglia a farina,

e doppo te combina

‘sto patatracco.

 

Mo v’arravaco o sacco,

poc’ato c’è restato,

forse v’aggio annuiato?

Ma mo fernisco.

 

‘A cca’ sento ‘nu sisco:

“e’ questi la Repubblica?”

Ma che sta è a repubblica

d’a monarchia!

 

Pe’ la democrazia,

dalla vicina costa

Trieste già se sposta

Bella e sincera.

 

Ma nun me pare overo:

ca’ mo c’aggiu fernuto

nun tengo chiu’ appetito

pe’ la priezza.

 

O ciucco c’a capezza,

e l’ommo cu’ li fatti,

viva Nenni e Togliatti!

Tutti alluccammo!

 

E jammo, jammo, jammo!

Ca’ priesto vene giugno:

Falce e Martello in pugno

Tutta l’Italia!

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Positano News, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.