Positano News - Notizie della Costiera Amalfitana Penisola Sorrentina Campania - Positano News

Penisola sorrentina, da Salvatore Mare (M5S) : Salve Salvini!

La notizia dell’arrivo di Matteo Salvini a Sorrento, prevista nella mattinata di giovedi prossimo, durante la quale si  dovrebbe suggellare l’entrata del Sindaco Cuomo nella Lega e pertanto una partecipazione del primo cittadino sorrentino tra le file del carroccio in vista delle elezioni regionali o addirittura per le eventuali prossime elezioni politiche,  sta scatenando una serie di polemiche e proteste tra quella parte di popolazione che non si arrende ad essere inquadrata come appartenente ad una città a servizio di coloro che fino a qualche tempo consideravano il Meridione come una palla al piede del super produttivo Nord e pertanto da offendere  e denigrare. Immediatamente è partito sui social un tam tam comunicativo che continua ad aggregare quella parte di popolazione che non si sente affatto rappresentato da un tale progetto che dovrebbe culminare con una protesta in Piazza Sant’Antonino la mattinata del 21 novembre, sulla falsariga di quella realizzata a Bologna la scorsa settimana.  Tra le personalità politiche locali contrastanti la Lega senz’altro il Movimento 5  Stelle, rappresentato dal MeetUp locale che con il Consigliere di Opposizione di Piano di Sorrento, Salvatore Mare che  ha rilasciato una dichiarazione circa il suo personale modo di accogliere il leader leghista nella nostra terra.(s.c.)

SALVE SALVINI!

A detta di alcuni quotidiani, giovedì Salvini verrà a Sorrento e ufficializzerà il passaggio di Cuomo alla Lega: segno della volubilità dei nostri sindaci e delle loro idee politiche, giacché sempre propensi a dotarsi di diverso vessillo e cercare miglior fortuna con colui che può fornire sondaggi migliori.

È prevista una protesta delle “sardine”, banco apartitico multicolore, che non vede di buon occhio la discesa del burbero nordico nel feudo capoluogo peninsulare.

I cittadini fanno bene a manifestare pacificamente, quando, dove e se ritengono; i rappresentanti istituzionali non dovrebbero, hanno un altro dovere, quello di contrastare politicamente quelli che ritengono i propri avversari.

Personalmente ho votato “NO” al contratto con la Lega, mi sono espresso pubblicamente affermando “Mai con la Lega”, ho inoltrato un ordine del giorno al Presidente del mio Consiglio comunale contro il decreto sicurezza e discusso in quel Consesso dell’autorizzazione a procedere contro Salvini. Nel merito del caso “Diciotti” ho votato sulla nostra piattaforma affinché si procedesse contro l’ex ministro degli interni, ho espresso la mia contrarietà all’innalzamento delle soglie per gli affidi diretti scrivendo a ogni singolo parlamentare del M5S chiedendogli inutilmente di ripensarci.

La Lega e Salvini sono miei avversari politici con “aggravanti”: mai potrò dimenticare i canti contro noi “terroni”, l’incitamento offensivo oltre ogni limite di tolleranza al Vesuvio di lavarci con il fuoco, l’accostamento per rima baciata con i cani e la loro “puzza” animale. Ma nonostante tutto non manifesterò contro di lui, gli darò la possibilità di spiegare, di illustrare quale sia il suo programma politico ammesso che ne abbia uno che non sia nell’individuare un nemico e quindi dare contro gli immigrati ora per poi tornare a tempo debito contro i meridionali.

Il Nord mangia il Sud da oltre 150 anni, lo stiamo mestamente riscontrando ancor ora con l’acqua alta veneziana e relativa tangentopoli, lo rileviamo con la disparità di trattamento riservato nelle sciagure, con la diversità di infrastrutture, con il disinteresse mostrato nell’investire nella rete ferroviaria qui, dove realmente occorre agli uomini e non a merci in trasporti transalpini ad alta velocità.

Salvini parla di livore ma non cadrò nella provocazione, l’odio è un sentimento che non mi appartiene cui lascio tranquillamente la paternità a chi crede di essere migliore per il colore della pelle, per il proprio luogo di nascita e residenza, per il proprio orientamento sessuale o per la propria religione. –  17 novembre 2019.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Positano News, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.