Positano News - Notizie della Costiera Amalfitana Penisola Sorrentina Campania - Positano News

Koulibaly,Napoli la mia citta’

«A Napoli sono nati i miei figli  e io sono cresciuto come uomo  e calciatore: ci sentiamo a casa
Da Koulibaly omaggio alla città «Questo è il posto in cui vivere»

Il silenzio stampa al tempo dei social: «Io e la mia famiglia, a Napoli, ci sentiamo a casa». Firmato, KK. Kalidou Koulibaly in persona: che ieri, dal ritiro della Nazionale senegalese, ha deciso di rendere omaggio alla città che l’ha adottato, e adorato, sin dall’estate 2014. Una dedica breve ma intensa, in calce a una bella foto con vista sul Golfo postata su Instagram e Twitter. Ma non solo: una significativa dichiarazione d’amore, di questi tempi. Tempi difficili, per il Napoli, sia sotto il profilo dei risultati sia dal punto di vista ambientale: la famigerata storia del ritiro disertato; la frattura tra squadra e società; la dura contestazione del pubblico in occasione della partita con il Genoa; il tentato furto a casa Allan e quello dell’autoradio e del navigatore sottratti dall’auto della signora Zielinski. Episodi che hanno innescato voci incontrollate, tipo la voglia di qualcuno di cambiare aria, che però i giocatori hanno intenzione di smentire. Una volta interrotto il silenzio stampa deciso dal club, certo. Nel frattempo? Beh, Koulibaly ha fatto per sé: con un semplice omaggio social che però vale mille altre parole.

BASTA EQUIVOCI. E allora, la difesa azzurra. E non c’entrano avversari temibili o partite di Champions e campionato: in questo caso, Kalidou ha fatto scudo alla città. La foto: lui, con la tuta della squadra sulla pelle, che guarda il panorama di Napoli di profilo. Il testo: «Qui sono nati i miei figli. Qui sono cresciuto come uomo e come calciatore. Qui, la mia famiglia e io ci sentiamo a casa». Tradotto tra l’altro anche in francese e inglese: del tipo, ve lo dico in tutti modi possibili. E al diavolo i problemi, i presunti timori e la presunta voglia di scappare via lontano. Sia chiaro: a quanto pare, quando la società autorizzerà l’interruzione del silenzio stampa proclamato dopo il Salisburgo, saranno in tanti a precisare concetti del genere, ma nel frattempo Koulibaly ha giocato d’anticipo e spiegato al mondo quanto profondo sia il suo legame con Napoli. Senza riferimenti al calcio.

SOCIAL-SILENZIO. Niente paura, insomma. E tutto il bene possibile: notizie splendide, considerando la tensione che ha appesantito l’aria napoletana dall’ultima notte di Champions in poi. La Nazionale, evidentemente, ha fatto bene a lui come a Insigne: niente gol, per Kalidou, ma la nostalgia di casa e prima ancora la fascia di capitano del Senegal esibita con il Congo qualche giorno fa. L’ultimo impegno, e dunque la seconda gara di qualificazione alla prossima Coppa d’Africa, è in programma oggi, in trasferta con l’eSwatini, il vecchio Swaziland; poi, di corsa a Napoli, verso il Milan. A caccia di una vittoria che serve come il pane per cominciare a ritrovare la serenità smarrita. Di gruppo, di squadra: singolarmente, almeno come insegna Koulibaly, le cose sono molto più semplici di come appaiono.

fonte:corrieredellosport

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Positano News, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.