Positano News - Notizie della Costiera Amalfitana Penisola Sorrentina Campania - Positano News

Vico Equense, negato trasporto scolastico a bimbo con disabilità. Struggente lettera di una mamma

Una lettera struggente quella di una madre di Vico Equense, Francesca, dopo aver appreso che il Comune non ha assegnato ad un piccolo diversamente abile il trasporto scolastico.

Lauro, questo il nome del piccolo, è diventato presto un po’ il figlio di tutti e così questa madre ha voluto pubblicare una lettera aperta nei confronti di sua figlia, Simona: una lettera diventata presto virale.

Ve la proponiamo per intero:

“Cara Simona,
tra le tante cose strane di questo mondo che tutela poco i diritti delle persone con disabilità, oggi ne aggiungiamo un’altra. Il nostro caro comune di Vico Equense ha negato ad un ragazzo con disabilità il trasporto scolastico, “per motivi tecnico- logistici […] richiederebbe un enorme dispendio di risorse economiche”, ecco, hanno liquidato la famiglia dicendo così.

Ebbene sì, cara Simo, in un comune dove la gestione del denaro pubblico, è alquanto discutibile, tu e tutti i bambini con disabilità siete un “ENORME DISPENDIO di risorse economiche”. Però non temere, loro sono buoni, daranno un contributo economico, per incaricare una persona che possa accompagnare il ragazzo con disabilità, a #scuola e tanti saluti all’inclusione, al non ghettizzare, al rendere tutto a ”portata di mano” di tutti, in barba alle lotte sulle barriere architettoniche, in barba alla legge 104, in barba a tutto ciò che predichiamo da anni.

Ti chiedo, anzi vi chiedo scusa io, loro non lo farebbero mai, sono troppo convinti e presuntuosi, vi chiedo scusa perché questa gente non ha capito nulla, perché non siamo pronti, non sono pronti, non siamo abbastanza capaci, acculturati, per poter comprendere il VERO senso della parola INCLUSIONE, ha ragione nonno quando dice: “Non ti abbattere perché la strada è lunga…” .

Figlia mia, figli nostri, la strada non è solo lunga, ma è anche in salita, noi non ci arrendiamo, non lo faremo MAI. Eppure sarebbe bastato richiedere, nel nuovo capitolato per la gara d’appalto che stanno preparando, inerente al trasporto scolastico, di adeguare i mezzi alla disabilità qualora fosse stato necessario. No cara Simo, costate troppo, siete ingombranti, siete complicati perché complicate la vita, meglio che ve ne stiate in una macchina solo voi, che arriviate a scuola senza provare mai la gioia di ridere scherzare, fare chiasso, insieme ai vostri amici.
A questi signori voglio dire che tu a tutti noi, la vita l’hai migliorata, ci hai resi migliori e soprattutto mi hai resa più forte, mi hai resa felice delle piccole cose, mi hai fatto capire quanto sia importante non escludere nessuno. Peccato, questa gente è troppo piccola per capire tutto ciò…

Non ti preoccupare, non ci scoraggeranno, possono dimenticarselo, noi continueremo a lottare, perché bisogna provare a darvi un mondo all’altezza dei vostri sogni e delle vostre necessità.
Ti abbraccio mamma❤️”.

Dopo la lettera è diventato virale anche il video che Francesca ha voluto dedicare al piccolo Lauro:

Lauro è un bambino in sedia a rotelle del comune di Vico, vuole andare a scuola con i suoi amici, oggi non può, perché nessuno #Scuolabus 🚌 è adeguato… Se fosse tuo figlio?Aiutaci a diffondere l’ hashtag #SeFosseTuoFiglio, perché l’inclusione è un diritto! Ausilia Parlato, Stefano Volpe, Jolanta Gosztyla, Emilia Terracciano, Giovanna Montuori Luigi Casablanca,

Pubblicato da Francesca Esposito su Venerdì 2 agosto 2019

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Positano News, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.