Positano News - Notizie della Costiera Amalfitana Penisola Sorrentina Campania - Positano News

Zeffirelli, la sua lettera d’amore a Positano

La lettera d’amore dedicata a Positano dal grande maestro

LETTERA D’AMORE A POSITANO
Non si viene o non si torna a Positano, mai per caso.

Ogni volta è come un appuntamento con una creatura meravigliosa che adoriamo già nel nostro inconscio.

Ritrovandola, oppure conoscendola per la prima volta, fioriscono nella mente i versi di Dante… E dà per gli occhi una dolcezza al core che intender non la può chi non la prova…

E ci chiediamo con animo inquieto se sia possibile che questa bellezza sia là ad aspettare proprio noi e cosa abbiamo fatto per meritarla. Perfino l’amore che anche gli altri provano per lei, forte quanto il nostro, lungi dallo scatenare nel nostro cuore risentimenti o gelosia, accresce ancor più il nostro orgoglio e la nostra fierezza di amanti “se l’amano tutti vuol dire che è bella”.

Perché l’amiamo tanto? Perché tanti l’anno amata e son venuti fin qui da ogni parte del mondo per godere di questo amore?

Risponderei piuttosto:

“Perché si potrebbe o si vorrebbe non amarla?”

In nessuna parte del nostro mondo, io non ho mai conosciuto un luogo dove le grandi componenti della Natura hanno saputo coniugarsi in modo cosi esemplare, per giungere ad una violenta e totale perfezione.
Il mare, le possenti montagne che si calano dentro, i cieli che offrono ad ogni istante una sorprendente tavolozza, il verde che l’uomo ha saputo sapientemente intrecciare alla Natura, entrando discretamente e amorevolmente nel suo antico quadro.

L’uomo che ha apposto le sue case, povere o ricche che siano, i suoi orti e i suoi giardini, seguendo le pieghe e i dirupi delle valli scoscese, traendone sostentamento e bellezza.

E poi, quest’aria antica, come di quando l’uomo non esisteva ancora, fin dal tempo delle mitiche Sirene, che hanno continuato a modulare il loro irresistibile richiamo fino ai difficili giorni di oggi, incantando i nostri sensi. Tutti diventiamo proprio come Ulisse che dovette essere incatenato alla sua nave perché non cadesse nella loro tentazione. Una dolcissima gratificante tentazione, tuttavia, un peccato che non è più un peccato anche se ne porta tutta la sua inebriante sensualità e la sua incantevole innocenza. Positano! Se qualcuno non c’è stato ancora si affretti. La sua vita sarà più ricca e felice quando l’avrà conosciuta.

Franco Zeffirelli

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Positano News, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.