Positano News - Notizie della Costiera Amalfitana Penisola Sorrentina Campania - Positano News

Le Rubriche di Positano News - CulturaNews di Maurizio Vitiello

Procida (NA). Procida Film Festival. Il cinema al femminile. Successo anche della seconda serata.

Più informazioni su

Articolo di Maurizio Vitiello – “Procida Film Festival”, il cinema declinato al femminile.

Si prosegue.
Siamo arrivati a metà percorso di questo viaggio cinematografico chiamato Procida Film Festival.
La seconda giornata della rassegna è stata caratterizzata dal cinema al femminile, con volti noti e testimonianze di assoluto rilievo.
Doppio spazio dedicato, dunque, al gentil sesso che, nel panorama nazionale, ha da sempre un ruolo assolutamente innovativo e produttivo.
Durante la tavola rotonda che si è tenuta presso la Chiesa di San Giacomo la regista Antonietta De Lillo, l’autrice Anna Pavignano, l’esperta di cinema Agi Berta, la drammaturga Anna Mazza e le docenti Gina Annunziata e Anna Masecchia hanno portato all’attenzione dei presenti tutto ciò che ruota intorno al concetto di “scritture, femminile plurale”.
La serata, invece, è stata inaugurata con la proiezione de “Il Signor Rotpater” della suddetta regista, la quale si è così espressa al termine della stessa: «Il progetto è decollato con grande libertà. Dopo l’unica replica di questo testo recitato da Marina Confalone, io mi son sentita la scimmia. Ho avuto un’identificazione così forte da sentire l’esigenza di fare qualcosa. Per me il cinema è necessità. Mi ha subito divertito l’idea di fare un ritratto ad un personaggio letterario, prenderlo e portarlo a Napoli, la città a cui devo tutto. Fondamentalmente sono contenta perché mi ha parlato. E poi sono felice di essere qui a Procida, la mia isola di adozione: la amo moltissimo, per me è un’isola etica, felice».
Il microfono è passato ai giurati Agi Berta, Antonio Fiore e Gina Annunziata, i quali hanno discorso di cinema analizzandolo dal punto di vista delle rispettive professioni.
Attenzione e acclamazione per i cortometraggi delle categorie “Cinema è donna” e “corti dedicati al mare”, così come grande pathos ha caratterizzato la prima esclusiva di “Mamma li turchi” di e con Raffaele Rinaldi, prodotto da Vocinarte per il Procida Film Festival.
Uno spettacolo in cui vengono messi al centro della scena i temi della diversità, dei migranti, della paura dell’altro.
Buona la seconda a Procida.
Da seguire.

Maurizio Vitiello

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Positano News, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.