Positano News - Notizie della Costiera Amalfitana Penisola Sorrentina Campania - Positano News

Le Rubriche di Positano News - CulturaNews di Maurizio Vitiello

Napoli. Premio Nazionale Amato Lamberti, VI Edizione. Premiati Elena Ciccarello, Martina Panzarasa e Edoardo Zuffada. foto

Più informazioni su

Segnalazione di Maurizio Vitiello – I vincitori della sesta edizione del Premio Nazionale ‘Amato Lamberti’ 2019 sono Elena Ciccarello, Martina Panzarasa e Edoardo Zuffada.

Premio Nazionale Amato Lamberti
BANDO SESTA EDIZIONE

I vincitori della sesta edizione del Premio Nazionale ‘Amato Lamberti’ 2019 sono Elena Ciccarello, Martina Panzarasa ex aequo per la tesi in dottorato e Edoardo Zuffada, laurea magistrale.

I riconoscimenti hanno voluto premiare lavori imperniati sui temi della criminalità organizzata, dei traffici criminali, della corruzione e delle economie globali.

La Ciccarello, dell’Università degli studi di Firenze e di Torino con la tesi in dottorato: “La costruzione sociale della mafia. Il caso della criminalità organizzata a Roma” in ex aequo con Panzarasa dell’Università degli studi di Milano e Torino con la tesi “Donne di Mafia e Carcere. Cultura, Esperienze e Pratiche in una Sezione di Alta Sicurezza”. Per la laurea magistrale, il riconoscimento è andato a Zuffada dell’Università di Milano con la tesi “Il reato di scambio elettorale politico mafioso (Art. 416-TER C.P.): tra novità e occasioni mancate”.

Al Premio giunto alla sua Sesta edizione ha contribuito come sempre l’Associazione ‘Museo del Vero e del Falso’ che ha finanziato la borsa di studio offerta dall’Associazione ‘Amato Lamberti’. La collaborazione tra le due Associazioni rafforza l’impegno nel contrasto l’illegalità, diffondere la cultura della legalità e far prendere sempre più corpo a quella coscienza sociale che la comunità deve avere e che deve essere stimolata e sviluppata con progetti rivolti al pubblico, accessibili a tutti e fruibili da tutte le tipologie di cittadino.

Quest’anno tra i finanziatori del premio si è aggiunta anche la ‘SVAS Biosana’ di Fedele Perillo, un gruppo di Somma Vesuviana specializzato nella distribuzione e ricerca di dispositivi medici che ha consentito così l’erogazione di una terza borsa di studio.

La premiazione avverrà martedì 25 giugno 2019, alle ore 11, 30, presso la Sala Giunta di Palazzo San Giacomo, sede del Comune di Napoli.

Schede vincitori Premio Nazionale Amato Lamberti 2019

Ex aequo tesi di Dottorato:

Elena Ciccarello
nata a Torino il 20 novembre 1978
residente a Torino,
Titolo tesi: “La costruzione sociale della mafia. Il caso della criminalità organizzata a Roma”
Università degli Studi di Firenze e di Torino
Dipartimento di Scienze politiche e sociali dell’Università di Firenze
Dipartimento di Culture, politica e società dell’Università di Torino
Dottorato in Mutamento sociale e politico
Biografia: Elena Ciccarello è assegnista di ricerca e membro del Laboratorio di analisi e ricerca sulla criminalità organizzata (Larco) presso l’Università di Torino. Dottore di ricerca in Mutamento sociale politico e giornalista professionista, si occupa principalmente di mafie italiane e fenomeni corruttivi. È collaboratrice de Il Fatto Quotidiano ed è stata a lungo redattrice della rivista specializzata Narcomafie. Nell’ultimo anno ha svolto attività di ricerca presso la Scuola Normale Superiore di Pisa e dal 2015 è docente del Master interuniversitario Analisi, prevenzione e contrasto della criminalità organizzata e della corruzione (Apc).
Recentemente ha pubblicato Le mafie in Piemonte. Impariamo a conoscerle, Fondazione Agnelli, 2019 (con R. Sciarrone e D. Donatiello); Il FOIA per i giornalisti, in Avviso Pubblico (a cura di), La trasparenza (im)possibile. Tutto quello che c’è da sapere sul diritto d’accesso in Italia, Altreconomia, 2019; La mafia, la corruzione, i giudici. La sfida interpretativa dell’inchiesta Mondo di mezzo, in E. Ciconte, F. Forgione, I. Sales (a cura di), Atlante delle mafie, Rubbettino, 2017; La posta in gioco di Mafia capitale. Nuove mafie e interpretazioni del 416 bis, in Meridiana 87, 2016.

Martina Panzarasa
Nata a Vigevano il 07/02/1984
Vigevano (Pavia)
Titolo tesi: “Donne di Mafia e Carcere. Cultura, Esperienze e Pratiche in una Sezione di Alta Sicurezza”
Università degli studi di Milano
Dipartimento di Scienze Sociali e Politiche
Università degli studi di Torino
Dipartimento di Culture, Politica e Società
Dottorato in Sociologia e Metodologia della Ricerca Sociale
Biografia: Martina Panzarasa ha conseguito un dottorato in Sociologia e Metodologia della Ricerca Sociale presso l’Università degli Studi di Milano e l’Università degli Studi di Torino. E’ cultrice della materia nel corso avanzato di Sociologia della criminalità organizzata presso l’Università degli Studi di Milano. Ha collaborato a diverse ricerche e si occupa di organizzazioni mafiose, genere, carcere.

Tesi di Magistrale:

Edoardo Zuffada
Nato a Castel San Giovanni (Piacenza) il 19/03/1990
Borgonovo Val Tidone (Piacenza)
Titolo tesi: “Il reato di scambio elettorale politico mafioso (Art. 416-TER C.P.): tra novità e occasioni mancate”
Università degli studi di Milano (Facoltà di Giurisprudenza)
Biografia: “Nato nel 1990 nella provincia di Piacenza, si è laureato nel 2015 presso l’Università degli Studi di Milano con il Prof. Fabio Basile, discutendo una tesi dal titolo “Il reato di scambio elettorale politico mafioso (art. 416-ter c.p.): tra novità e occasioni mancate”. Successivamente ha svolto un tirocinio formativo della durata di diciotto mesi presso la Procura della Repubblica di Milano (magistrato affidatario dott.ssa Laura Pedio) e, dal settembre 2018, è abilitato all’esercizio della professione forense. Dal 2016 è dottorando di ricerca in diritto penale presso il Dipartimento di Scienze Penalistiche “Cesare Beccaria” dell’Università degli Studi di Milano e, nel 2019, ha soggiornato presso il Trinity College di Dublino.”

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Positano News, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.