Positano News - Notizie della Costiera Amalfitana Penisola Sorrentina Campania - Positano News

A Meta si prevedono notti insonni, un’ordinanza concede di poter suonare e festeggiare nei luoghi pubblici fino all’una di notte

Più informazioni su

Meta. Il sindaco Giuseppe Tito ha dopo firmato un’ordinanza con la quale si regolamenta la “vita notturna” della città. Nel documento viene statuito che nel periodo compreso dall’1 giugno al 15 settembre, quindi per tutta l’estate, sull’intero territorio comunale sarà consentito dar luogo a manifestazioni musicali e festeggiamenti fino all’una di notte, con buona pace dei tanti residenti che vorrebbero riposare la notte e che rischiano di non poterlo fare perché costretti a sopportare i “rumori” molesti provenienti dalla strada, complice anche il gran caldo che costringe a mantenere finestre e balconi spalancati. Una deroga, quindi, al regolamento vigente in gran parte delle località dove lo stop a musica e danze rumorose è fissato rigorosamente alla mezzanotte. Inoltre, nell’ordinanza si aggiunge che durante gli altri periodi dell’anno, in casi eccezionali, si potrà fare richiesta per ottenere una deroga ai limiti temporali che impongono il silenzio nelle ore notturne. Che dire? Per i cittadini di Meta sai prevede un’estate insonne…

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Positano News, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da un metese

    Ottimo, sul corso i rumori molesti iniziano alle 7 del mattino causa colazione al bar Romano con sosta selvaggia in piazza Vittorio Veneto. I vigili urbani non si vedono nemmeno a pagamento. Stamattina la fila causata dal traffico a Meta arrivava a Seiano.