Positano News - Notizie della Costiera Amalfitana Penisola Sorrentina Campania - Positano News

Tassa di Soggiorno, troppa fatica riscuoterla e gli albergatori chiedono il compenso. Non siamo su Lercio ma a Sorrento e la Corte dei Conti dice no.

Più informazioni su

Tassa di Soggiorno, troppa fatica riscuoterla e gli albergatori chiedono il compenso. Non siamo su Lercio ma a Sorrento e la Corte dei Conti dice no.  Sembra una fake news, una notizia dei mitici amici di Lercio.it, invece è proprio vero, la realtà supera Lercio. Una situazione sconcertante quella della Terra delle Sirene dove, come in gran parte della Penisola Sorrentina, diversi albergatori sono indagati per non averla versata proprio la tassa di soggiorno.  Ma la tassa di soggiorno a che serve? Serve a migliorare le condizioni del turismo, lo sanno anche alle scuole medie , se si ha un buon maestro di educazione civica, è una tassa di scopo.. Lo scopo è migliorare le condizioni del contesto dove operano gli stessi alberghi, insomma va indirettamente a loro vantaggio: servizi informazioni, attività turistiche, eventi.. Gli ritorna comunque, non va certo nelle tasche dei cittadini. Inevitabili gli attacchi all’amministrazione del sindaco Giuseppe Cuomo ed infatti la cosa sta girando sul web e sui social network senza ombra di smentita

Rosario Lotito M5S

TASSA DI SOGGIORNO…l’ASSURDA RICHIESTA DEL SINDACO.

Niente da fare proprio non ci riescono a fare gli interessi dei Sorrentini. Una classe politica assoggettata sempre di più alle lobby che gli dicono come gestire la città di Sorrento. L’ultima trovata di questi signori è stata quella di voler destinare parte della tassa di soggiorno agli albergatori come risarcimento danni perché, a detta degli albergatori, “Gestire la riscossione della tassa di soggiorno è un onere che costa”, ed il Comune cosa fa? Invece di dire: cari signori quella è la porta il Sindaco si prostra e chiede un parere alla Corte dei Conti per cercare di trovare il modo di portare a termine questa assurda richiesta. I Magistrati amministrativi avranno ben pensato che al comune di Sorrento “ fann e scemi pè nun ghì a guerra” ed hanno bocciato tale assurda richiesta ricordandogli che la tassa di soggiorno può essere utilizzata per: finanziare interventi in materia di turismo, ivi compresi quelli a sostegno delle strutture ricettive, nonché interventi di manutenzione, fruizione e recupero dei beni culturali ed ambientali locali, nonché dei relativi servizi pubblici locali.
Si potrebbero potenziare i trasporti pubblici dal centro verso le abbandonate periferie con mezzi elettrici, avviare un programma di bike sharing, aggiustare le strade lontane dal centro, valutare centri di interesse storico e culturale come il sito della Regina Giovanna, i Cisternoni e tanto altro, ma questi pseudo politici non hanno meglio da proporre che restituire parte della tassa di soggiorno agli albergatori. Che vergogna.

Rosario Fiorentino, ex vicesindaco, responsabile VAS attacca il Presidente degli albergatori

Costanzo Iaccarino supera ogni limite. Non gli basta l’azione di contrasto intrapresa dalle forze dell’ordine per arginare chi evade la tassa di soggiorno e il giudizio pendente a Torre Annunziata per oltre 130 operatori . Vuole per la categoria una quota della tassa di Soggiorno. Dimentica che loro hanno avuto il meglio della nostra città derogando dai PRG prima e adesso i PUC. Hanno guidato amministrazioni da sempre direttamente o avvocati e portaborse a loro servizio. Non pagano o chissà quanto pagano per i locali dell azienda di Soggiorno sede della federalberghi. Oggi si siedono al tavolo del più importante affare: la scala mobile e la fanno da padroni dimenticando che anche loro sono custodi e si lamentano. Cosa deve fare invece il lavoratore stagionale?

MA COSA HA DETTO LA CORTE DEI CONTI?

La Corte, infatti, dopo un breve preambolo sull’ammissibilità soggettiva dell’interpellante ed oggettiva del quesito si è soffermata sulla natura della norma che ha introdotto la tassa di soggiorno, ricordando al Comune che la destinazione del gettito fiscale può limitarsi esclusivamente a……finanziare interventi in materia di turismo, ivi compresi quelli a sostegno delle strutture ricettive, nonché interventi di manutenzione, fruizione e recupero dei beni culturali ed ambientali locali, nonché dei relativi servizi pubblici locali. E’ una tassa di scopo e quindi , come ha rilevato la Corte dei Conti della Campania a Napoli

a) …si tratta di obblighi facilmente gestibili per qualsiasi operatore del settore;

b) …il Comune non ha specificato in cosa consisterebbero queste spese sostenute e meritevoli di ristoro;

c)…soprattutto non è possibile detrarre parte della imposta di soggiorno per fini non previsti dalla legge, anche perché quelli già individuati dal legislatore costituiscono…

…alle medesime strutture ricettive un vantaggio che, seppur in modo mediato, si rivolge direttamente ad esse, consistendo appunto in interventi destinati al sostegno loro e del settore in cui essere operano. In conclusione, fa sapere la Corte, se il Comune proprio vuole deve prevedere questo ristoro delle spese sostenute dai gestori prendendo i soldi da altra voce del bilancio che non interferisca con quella in cui confluisce il gettito dell’imposta di soggiorno. Per farlo però dovrà ricordarsi di motivare la scelta corredandola di un’adeguata documentazione, in quanto……un uso inappropriato del suo potere discrezionale è suscettibile di determinare danno erariale da sottoporre a risarcimento, ovvero far incorrere in responsabilità amministrativo-contabile

Ma a questo punto noi di Positanonews basiti da questa notizia vorremmo sentire il sindaco Cuomo e il presidente degli albergatori disponibili ad ospitarli

direttore@positanonews.it

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Positano News, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Giuseppe 1

    È sempre stato così…..di elemosine c’è chi si arricchisce in breve tempo e chi invece deve continuare a mendicare, questuare a vita. Tassa di scopo….lo scopo è fare cassa e basta.