Positano News - Notizie della Costiera Amalfitana Penisola Sorrentina Campania - Positano News

Seminario di Amalfi, il Tar blocca ai lavori all’albergo per Savarese e Parlato di Sorrento

Più informazioni su

Seminario di Amalfi, il Tar blocca ai lavori all’albergo per Savarese e Parlato di Sorrento  .  La struttura doveva essere sede del Liceo Turistico, che tanti fasti aveva avuto in passato, invece di spezzettarlo, genitori e studenti non riuscirono a nulla .

Poi la Chiesa, dopo trattative con Alfredo Russo, imprenditore carottese, che voleva dare 15 mila euro al mese, si fidarono di una offerta di imprenditori di Ischia che prometteva mari e monti, naufragata nel nulla, ora non si sa che sta succedendo .

La vicenda parte dal 2008 quando la Provincia di Salerno, rilasciò il fabbricato, adibito ad uso scolastico, in attesa che iniziassero i lavori di ristrutturazione per ospitare nuovamente gli studenti a opera completata.
Nel settembre del 2012 ci fu un’intesa tra Provincia di Salerno e Curia, quando l’ex amministrazione provinciale stipulò il contratto di pre locazione per trasferire l’istituto tecnico per il Turismo “Flavio Gioia” nei locali dell’ex seminario. Poco meno di un anno dopo partirono i lavori di ristrutturazione, conclusi nel 2016. Successivamente, però, la Provincia decise di fare un passo indietro. Ne sono seguite discussioni e proteste degli alunni fino all’ultimo atto, l’incontro tra il presidente Canfora e l’arcivescovo monsignor Orazio Soricelli senza alcun accordo. La Curia si rivolse all’imprenditore Luigi Savarese, nel 2017, per trasformare la struttura in una casa di accoglienza per fedeli. A nulla sono servite le richieste dei ragazzi che
sono scesi in strada più volte, sfilando per le strade di Amalfi per chiedere uno sforzo alla Provincia. A febbraio dello scorso anno, però, l’ufficio tecnico comunale ha ordinato il divieto a proseguire l’intervento per verificarne la natura e l’eventuale cambio di destinazione della struttura. La sentenza del Tar della Campania ha respinto il ricorso della diocesi e dell’imprenditore per la ripresa dei lavori. Secondo i legali di Savarese: «Non sarebbe stato realizzato alcun mutamento di destinazione d’uso urbanisticamente rilevante
in quanto la casa religiosa di ospitalità continuerebbe a svolgere lo stesso servizio e la stessa missione dell’originario seminario». Di diverso avviso la sentenza del Tar che chiarisce: «E’ agevole avvedersi che la trasformazione strutturale e funzionale da ex seminario-scuola a casa religiosa di ospitalità, integri gli estremi del mutamento di destinazione d’uso urbanisticamente rilevante tra categorie funzionalidisomogenee. Occorre rimarcare che i seminari, al pari delle scuole, sono istituti religiosi la cui attività preminente è quella di prestazione del servizio di istruzione a tutti gli alunni iscritti. Nel contempo, appare evidente come la tipologia ‘casa religiosa di ospitalità’ sia riconducibile alla categoria funzionale turisticoricettiva. In questo senso è da ritenersi che rientri appieno nell’ambito delle “case per ferie’, strutture ricettive attrezzate per il soggiorno.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Positano News, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.