Positano News - Notizie della Costiera Amalfitana Penisola Sorrentina Campania - Positano News

Violenza nell’ascensore a San Giorgio a Cremano, si rivedono le accuse. Lei vuole andarsene

Più informazioni su

Violenza nell’ascensore a San Giorgio a Cremano, si rivedono le accuse. Lei vuole andarsene Chiede di ritrovare una dimensione di vita normale, lontano dai riflettori e dalle pressioni, di poter uscire di casa, di frequentare amici, di recuperare la propria passione per il teatro e per le cose belle della vita. Si dice pronta a lasciare Portici, la sua città, probabilmente di lasciare Napoli e l’intera area metropolitana, insomma di abbandonare un contesto di vita che la soffoca, all’indomani della sciagura che le è toccato vivere in questi giorni. Eccola la ragazza di 25 anni che ha avuto la forza di denunciare i suoi aggressori, che ha avuto la tempra di puntare l’indice contro quelli che ritiene tre stupratori. «Voglio andare via da Portici, sono pronta a lasciare la città in cui sono nata, chiedo solo di essere lasciata in pace», è la dichiarazione della ragazza filtrata dal suo avvocato, il penalista napoletano Maurizio Capozzo, dopo un paio di ore di colloquio, anzi, di assistenza, con il nuovo scenario disegnato dai giudici del Tribunale del Riesame. Come è noto, la notte tra giovedì e venerdì, il Riesame (Purcaro, Foschini, Calabrese) ha scarcerato Alessandro Sbrescia, uno dei tre presunti aggressori arrestati sull’onda d’urto della denuncia. Un’inchiesta che ora vacilla e che attende nuovi sviluppi. Mercoledì è previsto un nuovo round dinanzi al Riesame, con la probabile scarcerazione di Raffaele Borrelli e Antonio Cozzolino, mentre la Procura è ferma sulle convinzioni della prima ora e sull’attendibilità della parte offesa. E anche il referto stilato dal centro antiviolenza del Cardarelli venerdì pomeriggio, dopo aver ascoltato per cinque ore la ragazza, sembra confortare la piena attendibilità della parte offesa.
IL REFERTO
Un referto, quello degli specialisti del Cardarelli, chiesto dalla Procura di Napoli, come sempre avviene per i casi di vittime di abusi, probabilmente in vista di un incidente probatorio finalizzato a congelare le accuse dinanzi a un giudice e nel contraddittorio tra le parti. Cosa dicono ora gli specialisti del Cardarelli? Stando a quanto confermato da fonti attendibili, nel referto che verrà trasmesso in Procura lunedì mattina, il racconto della ragazza viene considerato «genuino», quindi attendibile: una testimonianza offerta da una persona lucida, pienamente calata nel proprio contesto, capace di stabilire un equilibrio spazio-temporale perfettamente integrato con gli altri. E le eventuali contraddizioni? Vengono ritenute fisiologiche in chi ha subito uno choc, chiariscono gli esperti. Ma cosa ha spinto i giudici a rivedere le conclusioni della Procura e la valutazione del gip Valeria Montesarchio? Decisivo il lavoro degli avvocati di Alessandro Sbrescia (i penalisti Eduardo Izzo e Giuseppina Rendina), che hanno battuto soprattutto sulla carenza di gravi indizi. Una nuova valutazione di quanto avvenuto nell’ascensore della circum di San Giorgio a Cremano potrebbe essere suggerita dai video interno della stazione. Ci sono alcune immagini che non suggeriscono scene di violenza o comunque di coazione. Anzi. Quando Sbrescia incontra la ragazza, la saluta con un bacio sulla guancia, fatto che poco si addice al precedente tentativo di molestia denunciato. Anche l’ingresso e l’uscita dall’ascensore sembrano prive di coazione, sempre secondo le immagini acquisite dalle telecamere. Stando al racconto della ragazza (per altro confermato venerdì mattina dinanzi agli specialisti del Cardarelli), in più di un’occasione sarebbe stato profferito un «non voglio» all’interno dell’ascensore, quanto basta a tenere in vita l’ipotesi dello stupro. Diversa la versione dei tre indagati, che hanno invece sottolineato il carattere consenziente del rapporto. Un altro punto sul quale la ragazza prova a fare chiarezza, sempre affidandosi al penalista Capozzo: «Non prendo l’ascensore, ho paura, soffro di claustrofobia. Anche quando torno a casa, uso le scale, mai avrei accettato di entrare in quattro in quell’ascensore, se ci sono finita è perché sono stata costretta a farlo».

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Positano News, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.