Positano News - Notizie della Costiera Amalfitana Penisola Sorrentina Campania - Positano News

Sorrento, Conservatorio S.M. delle Grazie, dopo l’intervento del M5S, la Regione dichiara illegittima la delibera di fitto.

Sorrento – E’ stata senz’altro una battaglia dura, quella portata avanti nell’ultimo periodo dal Movimento 5 Stelle a Sorrento, affinché non si verificasse quanto all’epoca deliberato dal Consiglio di Amministrazione del Conservatorio Santa Maria delle Grazie, di concedere in affitto parte del prestigioso edificio a dei privati per trasformarlo poi in una struttura ricettiva. Grazie alla tenacia dell’ex candidato sindaco pentastellato, Rosario Lotito , che dopo aver sollecitato vari enti istituzionali, è riuscito a portare tale singolare situazione in Regione. Dove, lo scorso febbraio, i consiglieri del M5S in una interrogazione  consiliare chiedevano al Presidente della Regione di avvalersi dell’art. 25 del Codice Civile, che permette all’Autorità governativa di esercitare il controllo e la vigilanza sulle fondazioni. Sciogliendo l’amministrazione ,nominando un commissario straordinario e di annullare quanto deliberato, qualora gli amministratori non agiscono in conformità dello statuto e dello scopo della stessa fondazione. Infatti con la delibera  del 3 ottobre 2016 il CdA concedeva in affitto parte del Conservatorio, sebbene lo Statuto prevedesse che alla stipula dei contratti di concessione, la presenza di tutti i membri del Consiglio di Amministrazione ed il voto favorevole  di almeno tre di essi. Situazione che non si verificò dato che in tale occasione era assente uno dei consiglieri. Proprio tale particolare avanzato nell’ interrogazione  consiliare da parte del M5S ha costretto il Presidente della Regione ad invalidare quanto deliberato in precedenza dal Consiglio di amministrazione del Conservatorio. Un grande risultato per l’ex candidato sindaco Lotito che ha dimostrato ampiamente, dando tra l’altro una forte lezione anche a coloro che occupano gli scranni dell’opposizione, di tutelare gli interessi della cittadinanza sorrentina. Costretta ancora una volta ad assistere, nella totale inerzia da parte dell’amministrazione comunale, dell’ennesimo maldestro tentativo da parte di privati di appropriarsi di un bene pubblico. – 26 marzo 2018

Di seguito la dichiarazione di Lotito, all’indomani dell’ottimo risultato raggiunto a favore delle cittadinanza sorrentina.

 

Conservatorio S.M.delle Grazie, la Regione ci ha dato ragione illegittima la delibera di fitto.

 

In seguito al vergognoso tentativo da parte di amministratori insensibili, in spregio alla volontà testamentaria della dama Sorrentina Berardina Donnorso, in seguito alla superficialità da parte del Comune di Sorrento nella gestione di un bene pubblico per non essersi accorto di quello che a noi appariva evidente, ossia l’illegittimità di quanto deliberato dal CdA della Fondazione del conservatorio S.M. delle Grazie, cosi come giustamente rilevato dalla Regione Campania.  Il CdA della Fondazione  ha concesso in affitto a privati una parte del conservatorio S.Maria delle Grazie per essere trasformata in una struttura turistico-ricettiva. Noi ci siamo opposti con tutte le forze portando in tutte le sedi istituzionali le nostre perplessità in merito a questa vergognosa e scellerata decisione. In data 07/02/2019  i nostri consiglieri regionali Maria Muscarà e Tommaso Malerba, con una interrogazione consiliare hanno chiesto al Presidente della Regione Campania di avvalersi dell’art. 25 del codice civile che dà facoltà all’autorità governativa, qualora gli amministratori non agiscano in conformità dello statuto o dello scopo della fondazione, di esercitare il controllo e la vigilanza sull’amministrazione delle fondazioni e di sciogliere l’amministrazione nominando un commissario straordinario e di annullare quanto deliberato.

Con la delibera n° 7 del 03/10/2016, il CDA ha concesso in locazione parte del conservatorio S.M. delle Grazie, delibera adottata in difformità all’articolo 25 dello Statuto del conservatorio comma 2 lettera b, il quale prevede per la stipula di contratti di concessione di diritti personali di godimento, la presenza di tutti i membri del Consiglio di amministrazione ed il voto favorevole di almeno tre di essi, ma in quell’occasione, il CDA non era al completo stante l’assenza del consigliere Luigi Acampora, con la conseguenza della nullità di quanto deliberato. La risposta, di seguito esposta,  da parte della regione Campania lascia poco spazio ai dubbi:  considerando che la UOD 50 12 03, venuta a conoscenza della illegittimità della delibera n°7 del 03/10/2016, ha provveduto, nel rispetto delle norme di legge e del regolamento, ad attivare ad horas le procedure di controllo chiedendo al responsabile legale della fondazione, a mezzo raccomandata, chiarimenti in merito alla mancanza di legittimità della delibera n°7 del 03/10/2016 posta in essere senza i requisiti di cui all’articolo 25 c.2 lett.b dello statuto vigente della fondazione, al fine di consentire la rimozione degli elementi di illegittimità, se posti essere. Noi non ci siamo arresi!!


Lotito Rosario.

Fonte: Penisola sorrentina MeetUp Amici di BeppeGrillo.

 

 

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Positano News, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.