Positano News - Notizie della Costiera Amalfitana Penisola Sorrentina Campania - Positano News

Pari Show nel derby Juve Stabia – Cavese

CASTELLAMMARE DI STABIA Dura a morire. La Juve Stabia vede materializzarsi (e poi svanire) lo spettro della prima sconfitta stagionale, contro una Cavese che si conferma squadra arcigna e temibile per chiunque. Come già col Trapani, i metelliani impongono il 2-2 anche alla capolista, costringendo all’undici di Caserta a rallentare il passo con i siciliani (al Menti il prossimo 7 aprile), ormai a due lunghezze dalla prima della classe.È ‘ stato il derby di Catello Mari, scrive Gaetano D’Onofrio su Il Mattino, vissuto all’inizio ed alla fine (con le due squadre sotto le rispettive curve ad inneggiare il centrocampista scomparso nel 2006, al rientro a casa dopo la festa della promozione appena conquistata con la casacca cavese). Alla famiglia di Mari la Juve Stabia consegna la maglia col numero 6 e la scritta Catello sei con noi. Per la sfida con la Cavese, la capolista deve fare a meno dell’intera difesa titolare, con Troest unico superstite della Maginot che ha fatto a lungo parlare della Juve Stabia in Italia e non solo. Schiavi prende il posto di Vitiello a destra, Mezavilla è l’altro centrale (al posto di Marzorati), mentre Germoni si impadronisce della corsia mancina dove concluderà il torneo dopo l’infortunio di Allievi (operato in settimana al crociato, i compagni scendono in campo con la scritta forza Nic, siamo con te). Modica, dal canto suo deve fare a meno di Licata, Vono, Sciamanna e Bettini, a cui si aggiunge all’ultima ora anche Lia, e vara un 4-3-3 spregiudicato
DERBY VERO
In campo è un derby vero, sentito, vissuto con grande intensità dai protagonisti. La Juve Stabia sente il fiato sul collo del Trapani, i salernitani cercano l’exploit anche al Menti con Modica che, alla vigilia, si affida alla legge dei grandi numeri. Ed a proposito di numeri, il gol di Pugliese, al 27′ della prima frazione, interrompe a 914 minuti l’imbattibilità di Paolo Branduani, che si ferma a 59 dal record di Buffon (973 minuti senza gol), subendo la prima (e la seconda) rete del 2019. L’avvio di gara è scoppiettante, la Juve Stabia recrimina per un possibile rigore per atterramento di Paponi dopo dieci minuti. Rapidissimo il contropiede (27′), l’esterno spagnolo arriva sul fondo, scarica centralmente, la palla è sui piedi di Pugliese che trova il diagonale giusto per il vantaggio cavese. Al rientro dopo l’intervallo Il pari stabiese arriva dopo sei minuti. Pennellato il cross di Elia, girata di testa di Paponi per l’1-1 che consente alla punta di raggiungere Castaldo in vetta alla classifica marcatori. Due minuti e la doccia è gelata: rapidissimo il contropiede della Cavese, Pugliese dal limite lascia partire un tiro violento che Branduani liscia, capitolando per la seconda volta. La Juve Stabia, sotto di un gol mostra i muscoli e va vicinissima al gol con Mastalli (17′). Branduani si riscatta su Rosafio (18’), ma il pari arriva dagli undici metri. Palomeque atterra in area canotto alla mezzora, sul dischetto c’è Carlini dopo l’errore di Paponi con la Reggina. Freddo e preciso, l’ex Reggiana pareggia i conti. Il finale è arrembante, ma il derby finisce così.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Positano News, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.