Positano News - Notizie della Costiera Amalfitana Penisola Sorrentina Campania - Positano News

La Finestra sul Cortile. Continua la rubrica dell’avvocato Torrese su Positanonews

Più informazioni su

                         di Francesco Saverio Torrese

Questa mattina,come sempre,appena alzato ho aperto la finestra e…ho visto una cosa orribile,una cosa che non avrei mai voluto vedere: un uomo che dava fuoco alla sua ex moglie che era in auto. Mi direte che è successo ben lontano da casa mia ma non immaginate nemmeno quante cose veda dalla mia finestra, comprese quelle che non vorrei mai vedere. E neanche voi immagino e,magari come me trovate più comodo non pensarci. Dopo un primo momento di raccapriccio pensiamo…vabbè comunque non mi appartiene,proprio culturalmente intendo,quella è gentaglia… E invece no, purtroppo no! Ci appartiene eccome e credo che ne dobbiamo parlare. Se lo facciamo, se cerchiamo di capire,se teniamo vivo il problema anche e soprattutto quando non c’è (ancora) una tragedia forse riusciamo a fare qualcosa. Credo bisogni andare alla radice del problema per capire il perché di certi fatti. E se lo facciamo dobbiamo constatare che purtroppo quella radice è culturale e risiede in una medioevale concezione di inferiorità della donna. In quest’ottica l’uomo possiede la donna che sceglie come compagna,moglie o che ha come figlia e dunque quella donna è sua! Ed è per questo che sente di poterla maltrattare. offendere, picchiare o peggio ancora. E’ per questo che sente una eventuale separazione come un affronto,un’onta da lavare col sangue e, persino se è stato lui a lasciarla, la donna non deve essere di nessun altro.

Se questo ragionamento è corretto, come credo, i tempi perché non accadano più barbarie come quelle che raccontiamo, sono ancora purtroppo lontani e forse ci vorrà ancora una intera generazione per vedere dei risultati, ma senz’altro possiamo fare qualcosa per contenerle in termini davvero minimi.

Queste donne, l’esperienza ci insegna, sono spesso portate a nascondere le iniziali violenze subite anche ritenendole addirittura come un malinteso aspetto della passione, dell’amore. Epperò se loro non riescono a vedere la realtà certamente una sorella,una amica,una collega,una vicina, qualcuno insomma noterà qualcosa di strano. Sarà quello il momento di darsi da fare facendo aprire gli occhi alla povera vittima e accompagnandola, in ogni senso, a denunciare gli abusi subiti.

Se invece anche noi giriamo la testa dall’altra parte, e allora mi sa che ne vedrò ancora di brutte cose dalla mia finestra.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Positano News, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.