Positano News - Notizie della Costiera Amalfitana Penisola Sorrentina Campania - Positano News

Tre milioni di euro, per  37.000 allacciamenti e contatori, continua ad essere ignorata dai sindaci la sentenza contro la Gori.

E’ quanto ancora una volta evidenzia il Movimento 5 Stelle, con l’ex candidato sindaco  Rosario Lotito, a quasi due anni da quanto stabilito dal Tribunale di Torre Annunziata

 Sorrento – Sembra non interessare affatto, ai sindaci dei comuni sorrentini, la Sentenza n. 1177/2017 pubbl. il 24/04/2017 RG n. 500471/2009 dal Tribunale di Torre Annunziata, tramite la quale, dopo otto anni di battaglie legali,  condanna  la GORI Spa alla restituzione  in favore dell’ ARIPS degli impianti di allacciamento e dei misuratori idrici. Il cui valore, in base ad una perizia tecnica, ammonterebbe ad oltre  3 milioni di euro. Ancora una volta è il Movimento 5 Stelle  con l’ex candidato sindaco a Sorrento, Rosario Lotito ad evidenziare la questione, in attesa che i Sindaci si diano una mossa e facciano valere,una volta tanto contro la Gori Spa,  i diritti di tutti gli utenti della penisola sorrentina. (s.c.) 

 Ancora silenzio da parte dei Sindaci della Penisola Sorrentina sulla sentenza ARIPS vs GORI…

L’AZIENDA CONSORTILE  RISORSE IDRICHE PENISOLA SORRENTINA  (A.R.I.P.S.)  ha gestito,  con pregevole efficienza ed economicità,  il servizio idrico  peninsulare fino al giorno in cui,1°Ottobre del 2002,  venne presa la scellerata decisione da parte di altrettanto scellerati amministratori, di cedere la gestione del servizio idrico peninsulare alla GORI. Il trasferimento della  gestione dall’A.R.I.P.S.  alla GORI determinò anche il trasferimento di oltre 37.000 utenze. Questo passaggio fu cruciale in quanto, insieme alle utenze, l’ARIPS cedette alla GORI anche i suoi oltre37.000 allacciamenti e contatori.

Questa ceditura rappresentò per la GORI la famosa manna dal celo in quanto grazie a questa rete, costituita dagli oltre 37.000 allacciamenti e contatori, la GORI potè  emettere le prime bollette e realizzare i primi proventi. A questo punto vi starete chiedendo “ma quanto valeva tale rete?” Una perizia tecnica dell’epoca stabilì che  il valore degli oltre 37.000 contatori e relativi allacciamenti, ammontava a  oltre 3 milioni di euro. Ma, nonostante tale palese favore fatto alla GORI, quei famosi 3 milioni di euro non furono mai rimborsati all’ARIPS, al punto che nel 2009  l’ARIPS fu costretta a trascinare in giudizio la GORI e l’Ente d’ambito Sarnese Vesuviano  per vedere onorato il proprio credito.

Dopo 8 lunghi anni di battaglie legali con Sentenza n. 1177/2017 pubbl. il 24/04/2017 RG n. 500471/2009 il Tribunale di Torre Annunziata ha dichiarato:

“la risoluzione delle pattuizioni intervenute tra le parti e, per l’effetto, condanna la GORI s.p.a. alla restituzione in favore dell’ARIPS degli impianti di allacciamento e dei misuratori idrici indicati in citazione”

La sentenza è chiara, tutti gli allacciamenti e tutti i contatori sono ancora di proprietà dell’ARIPS..

E’ trascorso oltre un anno da quella sentenza e nonostante le parcelle pagate agli avvocati, quindi ulteriori soldi publici,  i comuni di Massalubrense, Sorrento, Sant’Agnello, Piano di Sorrento, Meta e Vico Equense non hanno fatto ancora valere i propri diritti, diritti che sono di tutti i cittadini peninsulari.  

Per quale motivo i Sindaci dei suddetti comuni fanno ancora finta di nulla? In base a quale nascosto motivo non hanno ancora fatto ufficialmente valere i  propri diritti?

Questo a riprova del continuo menefreghismo di amministratori assenti e lontani dai bisogni dei cittadini che assistono ancora una volta  all’ennesima dimostrazione di inettitudine di una classe politica auto referenziata e menefreghista nei confronti dei cittadini della penisola Sorrentina. – Rosario Lotito M5S – 

Fonte: Penisola sorrentina MeetUp Amici di Beppe Grillo 

https://bit.ly/2RF073y

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Positano News, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Giuseppe Castellano

    ha…., la G.O.R.I.,
    Io pensavo fosse amore…
    invece era un “carrozzone politico”…

  2. Scritto da Arturo

    I soldi spesi per festini,feste e grandi abbuffate,che si fanno ogni anno, servono per coprire qualche cosa. Spendono migliaia di euro per organizzare grandi eventi ad Ercolano, come entrono quei soldi spesi? Aumento tariffe,aumento costo per nuove installazioni etc.etc. Ed il povero cittadino ignaro paga.
    I comuni in passato hanno deciso l’assunzione dei propri protetti.Fate un giro per l’azienda e vedrete chi viene dall’ARIPS e chi no. Qui gatta ci cova.