Positano News - Notizie della Costiera Amalfitana Penisola Sorrentina Campania - Positano News

Sorrento: Marcia in pensione. La carottese Rossella Russo, tra i possibili candidati al comando della polizia municipale

Arriva la conferma per il pensionamento del Comandante della Polizia Municipale Antonio Marcia, data dalla determina adottata dal Dirigente che si occupa del personale, il dottor Donato Sarno. L’atto con cui viene disposto il collocamento a riposo “per raggiunti limiti di età a decorrere dal 01 settembre 2019 il dipendente signor Marcia Antonio – Dirigente a tempo indeterminato Comandante VV.UU.”.

E’ cominciata, quindi, la ricerca al suo successore ed il nome che circola con maggiore insistenza continua ad essere quello dell’Assessore alla Pubblica Istruzione del Comune di Piano di Sorrento Rossella Russo, che attualmente ricopre lo stesso incarico – anche se non in posizione dirigenziale – al Comune di Massalubrense. Una curiosa coincidenza, visto che anche Marcia, prima di passare a dirigere i vigili urbani di Sorrento prestava servizio a Massalubrense.

Altro particolare non secondario, il Comune di Sorrento nel 2020 andrà al voto, per cui potrebbe anche essere che nelle more si adotterà una soluzione tampone, per poi poter rinviare tutto alla prossima Amministrazione.

Sar, probabilmente, una partita che si giocherà su più tavoli.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Positano News, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Giuseppe Ercolano

    giusto per chiarire: l’attuale normativa sull’accesso al pubblico impiego prevede che in vacanza di un posto in pianta organica venga esperita previamente un bando di mobilità fra dipendenti con lo stesso profilo professionale (quindi comandanti con il profilo di dirigente), e in caso di esperimento infruttuoso, si bandisca un concorso pubblico per ricoprire il posto. Parlare di nomi adesso quindi è del tutto inutile e l’unico tavolo su cui giocare la partita è quello del diritto amministrativo.