Positano News - Notizie della Costiera Amalfitana Penisola Sorrentina Campania - Positano News

Positano, Sorrento: Grande successo per Giuseppe Marrone, nuovo scrittore emergente

Giuseppe Marrone, è nato a Sorrento il 9 maggio 1996. La sua famiglia ha origini positanesi. Si è diplomato presso il Liceo Scientifico G. Salvemini di Sorrento e attualmente studia Lettere Moderne presso l’Università degli Studi di Salerno. Nel 2017 partecipa alla traduzione dal latino del RegimenSanitatisSalernitanum, poi pubblicata nel volume Naturalmente sani. Il nuovo Regimen della Scuola Medica Salernitana (Edizioni EUTòPIA, 2017).

Sulla riva è la sua silloge d’esordio.

giuseppe marrone scrittore emergente

Sulla riva (Oèdipus Edizioni, 2018) è una silloge poetica suddivisa in tre sezioni: La città, gli uomini; Le osservazioni;Sulla riva, che dà il titolo alla raccolta.

Tema portante della prima sezione è il rapporto dolce e amaro tra l’uomo e l’ambiente della piccola cittadina di provincia, fatto di memoria e ansia per l’avvenire. I trenta testi che compongono la sezione Le osservazioni sono invece di carattere miscellaneo, sia nel contenuto che nel metro, anche se a risultare dominante è il tema amoroso. Conclude la silloge un poemetto diviso in quattro parti; protagonista è l’eterno, instancabile e tragico cercarsi di uomo e donna, in ogni tempo e al di fuori del tempo stesso.

Ecco alcuni estratti del giovane scrittore esordiente:

I

Un vento salato monta dal mare.

Nell’aria c’è sapore di bufera,

imminente risciacquo della terra;

lontana, sul marciapiede opposto,

una ragazza bruna tira avanti

calcando il passo sul secco selciato.

Stentate sventolano le bandiere

ritte sul frontale del municipio,

intrise nel malto della salsedine.

L’acqua purificherà questi luoghi

da troppo tempo ancorati al dolore.

II

Il treno attraversa la carne smunta

del vecchio borgo rimasto impietrito

passandovi sopra senza ferire,

come ignorando il debole cosmo

che nel circondario della stazione

lentamente si rimescola e brucia.

Poche le luci accese, la piazzetta

deserta. Un’istantanea ingannevole

per ripagare l’assurdo vissuto.

Infine si riparte, senza meta.

Il viaggio concilia la sonnolenza

Ci rende capaci di dimenticare.

III

Un’altra crepa si è aperta nel muro

della casa che mi ospitò bambino;

un altro secco colpo da patire

col medesimo, solito silenzio.

I ricordi non hanno più alcun peso,

i morti sono morti per i vivi,

le crepe dei muri si riparano,

le mie possono solo allargarsi.

Avere artisti così giovani in Penisola dovrebbe essere un vanto per tutti noi. Un grande in bocca a lupo e complimenti dalla redazione di Positanonews.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Positano News, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.