Positano News - Notizie della Costiera Amalfitana Penisola Sorrentina Campania - Positano News

Piano di Sorrento, via al rincaro della tassa di soggiorno: previsti 300 mila euro annui

Parte il rincaro della tassa di soggiorno anche a Piano di Sorrento. A riferirlo sono i colleghi di Metropolis, i quali parlano di una decisione ormai quasi ufficiale. Le nuove tariffe riguarderanno tutte le categorie di strutture ricettive di Piano di Sorrento. Ricordiamo che la tassa di soggiorno è un’imposta di carattere locale applicata a carico delle persone che alloggiano nelle strutture ricettive di territori classificati come località turistica o città d’arte.

Nel dettaglio, si prevede una quota pari a quattro euro a notte negli alberghi a cinque stelle; tre euro a notte, invece, per gli hotel a quattro stelle; per le strutture ricettive da una a tre stelle, invece, si parla di due euro a notte, stessa tariffa per i bungalow. Un euro, invece, per i camping. Sul territorio comunale si contano 114 strutture ricettive, tra cui 34 case vacanza, tre camping, 43 b&b, nove alberghi e 13 affittacamere, otto agriturismi. Si puntano ad incassare 300 mila euro annui, il doppio di quelli incassati nel 2018, che sarebbero destinati a finanziare attività legate al turismo, manutenzione e recupero dei beni culturali.

Intanto, l’ABBAC (associazione B&B e affittacamere Campania) ha presentato alcune proposte all’amministrazione comunale di Piano: destinare parte di questi fondi per potenziare in modo metodologico il sistema di controllo delle strutture extralberghiere per arginare il gravissimo proliferare di operatori che non rispettano le leggi e valutare che il Comune di Piano di Sorrento si faccia portavoce di un tavolo allargato agli altri Comuni della penisola sorrentina dedicato alla tassa di soggiorno.

Ricordiamo che in base alla legge di Bilancio 2019 gli enti locali hanno piena libertà di aumentare i tributi di propria competenza, venendo meno i vincoli esistenti negli anni precedenti. Il Comune di Sorrento, invece, ha deciso di non avvalersi di tale possibilità lasciando invariate per il 2019 le tariffe della tassa di soggiorno rispetto allo scorso anno.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Positano News, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Giuseppe 1

    Ma non vi vergognate di chiedere l’elemosina a coloro che portano economia ?
    Ormai questa tassa è diventata lo sport preferito degli amministratori dei paesi turistici…..conviene.
    Basta affittarsi i territori e i beni dove governano.