Positano News - Notizie della Costiera Amalfitana Penisola Sorrentina Campania - Positano News

Le Rubriche di Positano News - CulturaNews di Maurizio Vitiello

Napoli. Parrocchia della Santissima Trinità, in Via Tasso. Funerali dell’artista Carlo Palermo, alle ore 10.30 del 09.02.2019.

Più informazioni su

Articolo di Maurizio Vitiello – Il 2 febbraio 2019 si è avuta la notizia dell’improvvisa scomparsa dell’artista Carlo Palermo. Soltanto oggi, 09.02.2019, i funerali saranno celebrati, alle ore 10.30, nella Parrocchia della Santissima Trinità, in Via Tasso, a Napoli.

Eravamo a Bologna, a seguire, come ogni anno, l’Arte Fiera e SET UP, e ci hanno raggiunto varie telefonate di amici che ci annunciavano la dolorosa scomparsa del valente artista Carlo Palermo, che abbiamo conosciuto, tanti anni fa, e di cui apprezzavamo la voglia didattica di essere vicino ai suoi allievi, la forza civile delle sue battaglie a favore dell’ambiente e il suo percorso artistico, espresso da varie declinazioni.
Il grave lutto ha colpito, in particolare, la comunità di Marano.
Carlo Palermo, 73 anni, studioso, esperto, era un profondo conoscitore del patrimonio artistico e architettonico della città di Marano.
Carlo Palermo era ricoverato, da qualche tempo, in un ospedale di Napoli, ma le sue condizioni, seppur problematiche, non lasciavano, assolutamente, presagire una fine così drammatica e, senza dubbio, prematura.
Con Carlo Palermo scompare una figura di qualificatissimo profilo, umano e professionale.
Ha dedicato gran parte della sua vita alla città di Marano – risiedeva lì – alla valorizzazione di tesori architettonici, edifici di pregio, masserie, antiche chiese spesso colpiti dall’abusivismo e non valorizzati da una classe politica sottotono.
Se ne è andato un uomo perbene e un serio artista, che meritava ben diversa considerazione dalle amministrazioni cittadine di Marano, che, troppo spesso, hanno ignorato le sue civili battaglie, come quella per la salvaguardia dell’Eremo di Santa Maria di Pietraspaccata.
Negli anni Novanta, con decine di volontari, tutti armati di sole mani, riuscì nell’impresa di rimuovere la fittissima vegetazione che copriva la struttura religiosa.
Aveva ingaggiato tante battaglie, talvolta in solitaria, contro gli speculatori del territorio.

Il 07.02.2019 è stato eseguito l’esame autoptico sul corpo del compianto professore. I funerali saranno celebrati oggi, sabato 09.02.2019, alle ore 10.30, nella Parrocchia della Santissima Trinità, in Via Tasso, a Napoli; la celebrazione religiosa sarà officiata da don Gennaro Matino, amico di lunga data del professor Palermo, e sicuramente ci sarà un grande abbraccio da parte della comunità artistica, che condivideva le azioni civili di Carlo Palermo e lo stimava come valido arista. Si stringeranno con affetto alla Famiglia tutti gli “addetti ai lavori” del mondo del visivo.

Carlo, ti sia lieve la Terra.

Maurizio Vitiello

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Positano News, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Fernando Bocchetti

    spiace dover polemizzare in momenti come questi, ma l’articolo da voi postato è ripreso integralmente dal Mattino di Napoli, a firma del sottoscritto. Non solo non avete citato la fonte, fatto gravissimo, ma qualcuno se l’è pure attribuito con tanto di firma. La memoria del professor Palermo, che abbiamo avuto la fortuna di conoscere, la si rispetta anche da questi particolari non certo insignificanti. Senza contare la palese scorrettezza deontologica ai danni di un collega. L’articolo è di Fernando Bocchetti, non di Maurizio Vitiello.

    1. Scritto da Redazione_MC

      Sono il direttore di Positanonews Michele Cinque vi chiedo scusa