Positano News - Notizie della Costiera Amalfitana Penisola Sorrentina Campania - Positano News

Sorrento. Violenza con la droga del sesso, venduta dall’amica per 100 euro. La scoperta dalle foto, ma tante non denunciano

Più informazioni su

Sorrento. Violenza con la droga del sesso, venduta dall’amica per 100 euro. La scoperta dalle foto, ma tante non denunciano  . “Si è ritrovata buttata per strada come un animale , si ritrovava senza reggiseno … non voleva neanche denunciare e nessuno le stava vicino, quando ha denunciato la volevano convincere a ritirare la denuncia perchè tanto non si può far nulla contro queste persone forti economicamente..”, noi di Positanonews sentiamo questi racconti, cerchiamo di capire, sconvolti, sembra emergere una realtà sconosciuta ai più del mondo del by night oggi con queste droghe sintetiche che possono essere messe ovunque, a quante sarà capitato e non hanno denunciato? Le stesse famiglie invitano a non farlo per non entrare in un tunnel “Per non essere violentate due volte”, ci dicono. La ragazza poi ritirò anche la denuncia , un particolare che sgomenta ancora di più, quanti episodi ci sono che non vengono denunciati in genere ? Si parla, a chiacchiere, dell’aiuto alle donne, in concreto vengono lasciate sole, tuttora la comunità non da segno di solidarietà..

E’ stata brava la polizia e la procura di Torre Annunziata, ma in città pochi ne parlano, è più facile dare addosso all’extracomunitario, all’immigrato, sconvolge il vedere quello “uno di noi” che avrebbe fatto questa cosa orribile, si rimane senza parole, dimentichiamo che abbiamo figlie, sorelle, mogli, compagne, madri, come è possibile arrivare a tanto? La donna concepita alla stregua di un oggetto da usare e buttare, ancora non ci si può credere ed è straziante pensare al dolore di questa ragazza che è stata costretta a lasciare il lavoro ed andarsene.  Ma quello che sconvolge è l’amica, conoscente, la coetanea, anche lei donna, anche lei di qua, come si fa? Diteci che non è vero..

Il malessere diffuso, la mente annebbiata, i ricordi sbiaditi. Poi, a distanza di una settimana da quella notte a base di alcol e cocaina, la straziante verità: «Chiara ti ha venduto a Mario per cento euro. Tu non volevi fare sesso con lui, così ti hanno sciolto la droga nel vino e sei stata violentata. Ho visto persino le foto», oggi così scrive Ciriaco Viggiano su Il Mattino di Napoli . È attraverso il racconto di un amico che Marta (nome di fantasia) ha appreso di essere stata narcotizzata e stuprata da Mario Pepe, 56enne titolare di un ristorante nel centro di Sorrento, con la complicità dell’amica Chiara Esposito, 23enne habitué del locale. Particolari agghiaccianti, sebbene al momento si tratti soltanto di ipotesi, che emergono dall’ordinanza con la quale il gip di Torre Annunziata ha spedito in carcere la coppia indagata per violenza sessuale e traffico di stupefacenti.

È aprile 2017. Marta ha appena incontrato un amico di vecchia data che le ha rivelato i retroscena di quella notte di ottobre 2016, quando la 22enne di Piano di Sorrento ha accusato un malore nel locale gestito da Pepe per poi tornare a casa senza la biancheria intima addosso. La giovane denuncia la vicenda ai carabinieri. Il timore di dover raccontare fatti scabrosi ai magistrati e sopportare i pettegolezzi dei coetanei, però, è troppo forte. Così, dopo qualche giorno, ritira la querela. Procura e polizia, nel frattempo, si sono già messe in moto. Sicché Marta viene ascoltata dagli investigatori. Ed è in quella circostanza che, seppur con fatica, ricostruisce la vicenda di cui è stata vittima. Ai poliziotti racconta di essersi trovata nel locale di Pepe insieme a quest’ultimo e all’amica Esposito che già facevano uso di cocaina: «Me l’hanno data e ho accettato. Poi Mario mi ha offerto da bere e ha detto a Chiara di prendere quel vino che tanto le piaceva. Dopo il primo bicchiere ho avvertito l’esigenza di andare in bagno, ma non riuscivo nemmeno ad alzarmi dalla sedia». Del prosieguo della serata Marta non ricorda altro, se non di aver vomitato e di essersi risvegliata completamente nuda sul bancone del ristorante, mentre Pepe ed Esposito, preoccupati e con la sola maglietta addosso, si accusano reciprocamente dell’accaduto. Sono da poco trascorse le otto del mattino, quando la 22enne riesce a uscire dal ristorante e a rifugiarsi a casa della madre. All’amico, mesi dopo, Marta racconterà di quella serata. E il giovane ha un’intuizione: «Quel tizio usa una sostanza che si chiama Ghb per convincere le ragazze a fare sesso con lui. Ne va fiero, dice di essere l’unico in grado di procurarsela. Forse ha fatto lo stesso con te». Qualche giorno più tardi Marta incontra nuovamente l’amico che le spiega di aver parlato con Pepe e di aver visto, sullo smartphone di quest’ultimo, foto che ritraggono la 22enne nuda. E Chiara? «Ti ha portata in quel locale per cento euro, l’ha già fatto con altre ragazze».

Elementi sulla base dei quali il gip ha ordinato il carcere per Pepe ed Esposito, ritenuti «soggetti assolutamente incapaci di tenere a freno le proprie pulsioni». Dal fascicolo, d’altro canto, emerge uno scenario inquietante: con la complicità della ragazza, il ristoratore avrebbe usato il suo locale per sniffare e smistare ad amici poco più che ventenni la droga fornitagli da uno spacciatore originario di Torre Annunziata. Sempre lì avrebbe avuto incontri hard con ragazze i cui numeri di telefono erano memorizzati in rubrica associando il nome alla prestazione sessuale garantita. Su tutte queste ipotesi Esposito e Pepe, assistiti rispettivamente dagli avvocati Francesco Cappiello e Danilo Di Maio con Giuseppe Esposito, forniranno la propria versione da oggi, durante l’interrogatorio davanti al gip.

La città non reagisce, nessuno parla. Fiumi di droga, violenze, sesso, tante non denunciano, lei stessa non voleva denunciare, la forza economica e sociale degli altri è troppo più grande . Distratti dal Natale, dal commercio, non vi sono reazioni pubbliche delle associazioni, della politica, della Chiesa, è una vicenda troppo assurda, il lato oscuro che tutti avremmo voluto attribuire all’altro, al nero, all’immigrato, all’estracomunitario, ma non a uno di noi, ed  è questo che fa rimanere senza parole, senza respiro, senza Dio.

Oggi gli interrogatori , bisognerà vedere cosa decideranno gli avvocati come linea difensiva.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Positano News, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.