Positano News - Notizie della Costiera Amalfitana Penisola Sorrentina Campania - Positano News

Sorrento-shock, ragazza drogata e stuprata: arrestato titolare di un noto ristorante

Aggiornamenti e particolari su questa vicenda inquietante che coinvolge tutte persone della penisola Sorrentina

Shock a Sorrento.  Violenza sessuale con l’utilizzo della droga dello stupro per abusare di una ragazza poco più che ventenne  con il coinvolgimento di un’altra ragazza coetanea  . Questa la storia orribile da cui dovrà difendersi Mario Pepe, il proprietario, 56enne, de “I Giardini di Tasso ” un ristorante del centro di Sorrento – nei vicoli alle spalle del corso Italia – e di Chiara Esposito, ragazza di 23 anni, arrestati stamane dalla polizia giudiziaria della Procura di Torre Annunziata e dagli agenti della sezione anticrimine del commissariato di Sorrento. La donna finita nei guai sarebbe una cliente come la ragazza abusata. Alla vittima sarebbero stati somministrate cocaina e «droga da stupro» per indurla ad avere rapporti sessuali con l’uomo contro la sua volontà. Il tutto sarebbe avvenuto all’interno del ristorante. Secondo gli investigatori non sarebbe stato uno solo l’episodio incriminato, i poliziotti hanno ricostruito infatti diversi incontri in cui ci sarebbe stata la cessione di cocaina ad amici e clienti.

Il fatto è avvenuto il 12 novembre 2016 , nel locale si riunivano molte ragazze delle penisola sorrentina, questa evidentemente ha attirato l’attenzione del gestore . Si prende una birra dove viene messa la Ghb, la droga del sesso e , stando alle ricostruzioni, sarebbe stata violentata con la complicità della ragazza conoscente. Solo dopo tempo la ragazza, che è stata male per diversi giorni, si è rivolta alla polizia che, dopo indagini, ha trovato sufficienti elementi per poter far arrestare il Pepe. Foto nello smartphone , tracce di cocaina e droga dello stupro e altro ancora, come riportano tutti i giornali, la droga sarebbe stata messa nella birra. Il 10 gennaio 2018 la polizia va visita a Pepe e gli sequestra il cellulare .  Emilio Prisco pubblico ministero a Torre Annunziata chiede ed ottiene gli arresti dal GIP Emma Aufieri ora Pepe è in carcere a Poggioreale a Napoli e la Esposito a Pozzuoli, difesi da Danilo Di Maio e Francesco Cappiello, con accuse gravissime. Nel frattempo, come viene riportato, si rivela anche un movimento di cocaina, la Città del Tasso la notte sembra avere connotazioni fosche. Non è il primo episodio di violenza e droga che viene fuori alla ribalta della cronaca, prima a Sorrento, con frequentatori di Massa Lubrense e Napoli accusati, poi a Meta con ragazzi da Vico Equense a Torre.

ID=3238175

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Positano News, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.