Positano News - Notizie della Costiera Amalfitana Penisola Sorrentina Campania - Positano News

Dallo swing al crossover con la Big Band Swingtime

La formazione diretta dal M° Antonio Florio, ospite del Natale metelliano, avrà quale special Guest il trombettista Aldo Bassi, per sigillare la serata di domenica 23 dicembre nell’aula consiliare del Comune di Cava de’ Tirreni

Di GIULIA IANNONE

Non c’è festa senza musica e domenica 23 dicembrea partire dalle ore 21, l’aula consiliare del Comune di Cava de’ Tirreni si trasformerà in una ballroom degli anni ’30. Ospite del Natale metelliano che invaderà la cittadina con un vero fiume di musica, uno dei massimi eventi del “Cava è… Festival”: viaggio nella musica nazionale e internazionale dai concerti di Villa Guariglia al Festival Ritmo Sinfonica alla Notte Bianca 2019, cofinanziati dalla Regione Campania con i fondi POC Campania 2014-2020, con la direzione artistica di Antonia Willburger, sarà la Big Band Swingtime, diretta dal M° Antonio Florio, che presenterà quale special guestil trombettista romano Aldo Bassi. La formazione classica,vedrà schierati ai sassofoni Giuseppe Plaitano (alto e clarinetto), Francesco Florio (alto), Umberto Aucone (tenore) Maurizio Saccone (tenore), Nicola Rando (baritono), alle trombe Giuseppe Fiscale, Mauro Seraponte, Raffaele Improta, Nicola Coppola, ai tromboni Alessandro Tedesco, Raffele Carotenuto e Umberto Vassallo, al pianoforte Antonio Perna, al doublebass Antonello Buonocore e alla batteria Domenico De Marco. Con i diversi temi in scaletta si offrirà, nella prima parte, il bagaglio minimo per scoprire, o riscoprire, il jazz, quello ritmato e un po’ melenso dell’ “era dello swing”, e quello dei suoi dintorni, a cominciare dall’impareggiabile Duke Ellington, che vedremo tratteggiato in pagine che hanno scritto la storia di questo genere, quali “It Don’t mean a Thing if ain’t got that Swing”, pezzo che ha dato appunto il nome a questo periodo, Mood Indigo, Caravan, la sua sigla, Take the “A” train. La “swing craze”, in Italia è invece legata è legata alla presenza delle prime truppe americane, per essere precisi al primo carro armato con una dubbia stella bianca dipinta sulla corazza, e alla dance band di lusso del maggiore Glenn Millerche verrà evocato dalla American Patrol March. Continuando per i suoi diretti dintorni, da Count Basie con Splanky, al clarinetto dal suono classico di Benny Goodmane la sua orchestra sulle note di Don’t be that Way e di un brano altamente simbolico: Sing, sing, sing!composto da  Louis Prima nel 1936, il jazz in quella data sbarcò nel tempio della musica classica, con un’orchestra composta da rappresentanti di tutte le minoranze che avevano fatto nascere questo genere, unitamente all’America. Bianchi, neri, ebrei, creoli, italiani, sud-americani, lanciarono uno dei primi inni di pace, aperto dall’evocazione dei tamburi d’Africa, nello storico a-solo di Gene Krupa. Aldo Bassi, omaggerà, quindi, due capiscuola della tromba, Dizzy Gillespiee Arturo Sandoval. Se Dizzy Gillespie è considerato uno dei padri del Be-bop, ma fu anche l’iniziatore dell’Afro-cuban, Sandoval è celebre per i suoi trisacuti, che stupisce con i suoni gravi, ma è un musicista a tutto tondo, compositore e polistrumentista. I brani sono “A night in Tunisia”di Gillespie e “Funky Cha Cha”, dello stesso Sandoval, entrambi legati da quella spezia esotica nell’arrangiamento in continua evoluzione, per sostenere il linguaggio creativo del solista, il cui fascino è in quello sbilanciamento in avanti con una “forward intention” di accenti e fraseggi, frutto di una miscela originale di spunti accattivanti rivelati in modo non prevedibile. Nella seconda parte della serata si andrà ben oltre lo swing, con un assaggio di crossover attraverso dei particolari arrangiamenti firmati da Antonio Florio, dellaToccata e Fuga in Re Minore di Johann Sebastian Bach, in cui si lega il barocco bachiano allo stile romantico classico, d’ispirazione jazz, del preludiodellaTraviata di Giuseppe Verdi, che quasi si trasforma nel blues di Violetta, per quindi ricostruire le emozioni dell’ “Ich bin ich”del preludio al poema straussiano, Also Sprach Zarathustra, passando, poi, alla Ouverturee Dance of the Floreadoresdalla Nutcracker Suitedi Ellington-Strayhorn-Tciaikovsky, nell’arrangiamento originale di Strayhorn. D’altra parte l’improvvisazione e la variazione rappresentano in musica i percorsi di unità e divergenza di tutti i generi, una “semplice” complessità in cui la manipolazione del materiale sonoro definisce strutture e modelli, nel continuo divenire del “ludus harmonicus”, il gioco dell’invenzione e della mutazione.

 

La Big Band Swingtimecomposta dai canonici 16 elementi diretti dal M° Antonio Florio, tutti appartenenti al grande e preziosissimo vivaio campano nasce nel 2004 quando l’amministrazione provinciale di Salerno le affidò le celebrazioni del trentennale di Duke Ellington. L’orchestra, formata da strumentisti professionisti di livello nazionale e internazionale, per la sua particolare ecletticità stata ospite di diversi cartelloni, tra cui Estate in Villa a Vietri sul Mare, “I concerti del Lunedì” a Pisciotta, Musica ai Templi in Paestum, in occasione del LXXIV anno dallo Sbarco alleato, oltre concerti per diverse associazioni e teatri nazionali. Il direttore M° Antonio Florio, sassofonista, già docente del Conservatorio “G.Martucci” di Salerno, è stato il  sax tenore solista nell’orchestra diretta da Paolo Ormi, partecipando al tour nazionale dello spettacolo di Raffella Carrà “Senza respiro”, a fianco di Luciano Fineschi in tour nazionale di Rita Pavone e Teddy Reno, sax tenore della Symphony Orchestra, diretta dal M° Franco Pezzullo, con la quale collaborando anche per la registrazione di dischi e colonne sonore di film., dal 1982 al 1987 ha collaborato con il teatro San Carlo di Napoli, sotto la guida del M° Renato Renzetti, per la prima assoluta della “Vivì” del M° Franco Mannino, in tour a New York per lo Stabat Mater di Roberto De Simone, dal 1987 al 1994, è stato il direttore e arrangiatore  delle formazioni partecipanti ai tour nazionali di Ivan Cattaneo, Rita Pavone, Cristiano De Andrè, Miranda Martino, Gepy & Gepy, Giuseppe Cionfoli, ha inciso un cd “Tu vuo’ fa’ l’Americano” con l’orchestra New Harelm per l’etichetta D.V. More Record.

 

ALDO BASSI Tromba e Flicorno

 

Nato a Roma il 29/01/62. Si è diplomato in tromba a Roma nel 1981 in jazz a Frosinone nel 1997. Nel 2006 ha conseguito il diploma di secondo livello in discipline musicali ad indirizzo compositivo e interpretativo di jazz a Campobasso.

Ha iniziato l’attività artistica nel 1976 tenendo concerti a Roma e nel Lazio con il “GRUPPO CAMERISTICO AURELIANO” diretto da Paolo Ciardi. Nel 1980 ha suonato il “Don Giovanni” di Strauss con l’Orchestra Sinfonica di Cagliari. Successivamente ha studiato con Alberto Corvini per approfondire la conoscenza tecnica della tromba e con Oscar Valdambrini per approfondire la conoscenza dei vari stili di fraseggio Jazz. In Seguito è stato chiamato a ricoprire il ruolo di prima tromba nella “Saint Louis Big Band” diretta da Bruno Biriaco, con la quale ha collaborato per molti anni. Contemporaneamente ha tenuto diversi concerti con la “Testaccio Jazz Orchestra” diretta da Giancarlo Gazzani, partecipando ad alcuni festival tra cui nel 1985 a quello delle orchestre giovanili di Monaco. Nel 1988 con la Big Band di Alberto Corvini ha partecipato ad “UMBRIA JAZZ ” ed a molte altre perforrnance con ospiti importanti come Oscar Valdambrini, Dino e Franco Piana, Tony Scott ecc. Nello stesso anno ha seguito i corsi di perfezionamento di Juan Munguia ed Arturo Sandoval a Cuba. Nel 1992 ha registrato il CD “Conversation” con la Big Band di Franco Piana, con la quale ha partecipato nello stesso anno a “TAGLIACOZZO JAZZ” e “UMBRIA JAZZ”. Ha fatto parte per molti anni del gruppo Tankio Band diretto da Riccardo Fassi con il quale ha inciso due dischi e partecipato a molte rassegne jazzistiche. Dal 1992 ha concentrato il proprio interesse su di un quintetto di jazz moderno che ha diretto insieme a Rosario Giuliani, il “Bassi-Giuliani Quintet” con il quale ha inciso nel 96 il CD “L’incontro”. Nello stesso anno con il B.-G. Quintet ha suonato nel “Terracina Jazz festival” e nel festival “JAZZ & IMAGE”, (concerto trasmesso radiofonicamente dalla RAI). Nel 1998 ha formato l’ “Aldo Bassi QUARTET”, progetto che prevede solo composizioni jazzistiche originali con il quale ha inciso nel 1999 il CD “Distanze”. Nello stesso anno ha registrato con la Corvini-Iodice “Roma Jazz Ensemble” il CD “Signor Jones”. Con l’ Aldo Bassi Quartet, ha ospitato nell’estate 2000, Rick Margitza in un breve tour che si è concluso con un concerto nel festival internazionale “Jazz&Image” di Villa Celimontana a Roma. Nell’ autunno 2000 è entrato a far parte del gruppo di Gianni Savelli Media Res. Nel maggio 2001 ha realizzato con il suo quartetto il CD “Muah” con due ospiti d’eccezione: Rick Margitza e Antonello Salis, pubblicato nel 2004. Nel luglio 2001 ha partecipato in qualità di ospite solista, al festival internazionale “MALTA JAZZ”. In seguito è stato chiamato come ospite in varie formazioni per la realizzazione di concerti e CD. Nel 2004 è stato chiamato a far parte dell’Orchestra Nazionale Italiana di Jazz e nel 2005 della “PMJO” Parco Della Musica Jazz Orchestra dell’Auditorium di Roma. Ha diretto la S. Louis Big Band e la DAILA Big Band di Roma. Inoltre ha collaborato alla realizzazione di numerose colonne sonore per il cinema e la televisione con i migliori maestri italiani quali: E. Morricone, P. Piccioni, R. Serio, M. De Sica.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Positano News, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.