Positano News - Notizie della Costiera Amalfitana Penisola Sorrentina Campania - Positano News

Lettera aperta al Ministro dell’Economia Prof. Giovanni Tria di Francesco di Lieto

Egregio Professore,

con la presente sono a richiederLe, visto che i provvedimenti di spesa programmati dal Governo a me appaiono giusti e indifferibili, per quale motivo per il pareggio del bilancio si ricorre sempre a nuove emissioni  di Buoni del Tesoro?

Lei sa meglio di me che l’emissione di nuovi titoli di debito pubblico, oltre ad accrescere il debito, generano anche sfiducia nei sottoscrittori dei medesimi, la qual cosa si traduce in interessi lievitati con le conseguenze che ormai purtroppo tutti noi conosciamo, per quale motivo il Governo non riesce a trovare strade diverse dall’indebitamento?

Sicuramente la strada migliore sarebbe quella di “rimboccarsi le maniche”, come già fatto i nostri antenati, ma, sembra, che la cosa non piaccia a nessuno infatti la risposta è sempre la stessa:”erano altri tempi!”.

Altra strada potrebbe essere quella di ridurre drasticamente le spese dello Stato ivi compresi ovviamente stipendi e pensioni, magari procedendo al taglio di tutto quello che spunta (alla Totò), fino al raggiungimento dell’auspicato pareggio di bilancio, ma anche questa impresa non sarebbe assolutamente priva di ostacoli.

Ultima strada, a mio avviso percorribile, sarebbe, visto che il patrimonio immobiliare italiano ammonterebbe a circa 10 miliardi di Euro, il ripristino della famosa “Fondiaria”, con aliquote diversificate a secondo della destinazione degli immobili, escludendo, ovviamente, le abitazioni ultra popolari per non colpire gli “ultimi”.

Spero che questo Governo si attivi per non scoraggiare chi, con tanto entusiasmo e senso di responsabilità, forse per educazione ricevuta, esce di buon’ora di mattina da casa per compiere il proprio dovere di onesto cittadino, magari anche di giorni cosiddetti festvi, e vi fà rientro, a sera inoltrata, e molte volte, purtroppo, si accorge che comunque, per motivi diversi, “la giornata non è riuscito a guadagnarsela”.

Spero vivamente che Lei riesca a fare in modo che il nostro paese esca dalle “secche”, risani il bilancio, si attivi per ridurre le diseguaglianze sociali e dia maggiore fiducia a chi partecipa attivamente alla ripresa della nostra economia,

La strada da percorrere è sicuramente ripida e tortuosa con enormi “precipizi” ma NON IMPOSSIBILE.

Egregio Professore, visto che la natura le ha donato un bel viso sorridente e “rassicurante”, tutto Le può riuscire, a mio avviso,. meglio che ad altri, la saluto cordialmente e La prego di voler accettare i miei sinceri auguri di buon lavoro, Francesco Di Lieto

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Positano News, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.