Positano News - Notizie della Costiera Amalfitana Penisola Sorrentina Campania - Positano News

Il ponte che collega Sacco e Roscigno chiuso dal 2010, ma in tanti continuano a percorrerlo

In questi ultimi giorni, dopo la tragedia avvenuta a Genova, l’attenzione si è concentrata sui tanti ponti esistenti in Italia che possono essere considerati potenzialmente a rischio. In questo articolo vogliamo parlare del ponte di Sacco, uno dei ponti a singola arcata più alti in Europa. Alto circa 170 metri, collega il comune di Sacco con il comune di Roscigno. Al di sotto scorre il torrente Sammaro che, traendo origine dalle sorgenti ipogee e dalle grotte preistoriche di Sacco, va ad ingrossare, con molti altri rivi e ruscelli, le acque del fiume Calore. Il ponte di Sacco è un’opera di grande arditezza e di alta ingegneria, completata nel 1969 dopo un lavoro di circa 30 anni per un costo di ben 400 milioni di lire. Il ponte è un’impresa titanica dal punto di vista ingegneristico, per la difficoltà dei lavori e per i notevoli imprevisti di natura idrogeologica incontrati in fase di scavo delle fondamenta e del consolidamento delle faglie e delle numerose fratture calcaree dei costoni rocciosi. Nel 2010, a seguito di una frana sul versante di Roscigno, la Provincia decise di interdire il traffico sul ponte per questioni di sicurezza. Ma, nonostante il divieto, ad oggi sul quel ponte continuano a passare mezzi di tutti i tipi, ad esclusione dei bus di linea (per ovvi motivi) che utilizzano un percorso alternativo per collegare Sacco e Roscigno tra loro e al resto del mondo. Questo percorso alternativo, però, è molto lungo e tortuoso e quindi in tanti, per risparmiare tempo, continuano ad utilizzare il ponte incuranti del pericolo. Ma, anche alla luce della tragedia di Genova, bisognerebbe riflettere e capire che è meglio perdere un po’ di tempo in più ma non rischiare di perdere la vita in modo stupido. In questo tempo in cui tutti andiamo di fretta bisognerebbe ogni tanto rallentare, mettere in primo piano la sicurezza e, se questo significa fare un percorso più lungo, allora ne approfitteremo per goderci il paesaggio. La vita è una sola.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Positano News, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.