Positano News - Notizie della Costiera Amalfitana Penisola Sorrentina Campania - Positano News

Piano di Sorrento, il Movimento 5 Stelle porta in Parlamento la questione dell’affidamento dell’area mercatale

Il Movimento 5 Stelle, tramite la figura del consigliere comunale Salvatore Mare, ha deciso di portare in Parlamento la questione relativa all’affidamento dell’area mercatale di Piano di Sorrento, adibita a parcheggio auto. Portavoce dell’interrogazione i deputati Carmen Di Lauro e Luigi Gallo.

Ecco il testo completo:

“Al Ministro dell’economia e delle finanze, al Ministro dell’interno, al Ministro del lavoro e delle politiche sociali, al Ministro per la semplificazione e la pubblica amministrazione . — Per sapere – premesso che:

il comune di Piano di Sorrento (NA), con delibera di giunta n. 188 del 2017, ha adibito l’area del mercato ortofrutticolo di piazza della Repubblica a parcheggio a rotazione per le auto, affidandone la gestione direttamente, tramite determinazione n. 438 del 2017, all’associazione ricreativa culturale non riconosciuta e senza scopo di lucro «Territorio, Trasparenza, Passione» in via sperimentale sino al 31 dicembre 2017;

al momento della delibera, l’associazione non risultava iscritta nell’apposito albo comunale ed era stata costituita due giorni prima, mentre il codice fiscale sarebbe stato richiesto, a quanto risulta agli interroganti, solo il giorno antecedente;

l’associazione, secondo il proprio statuto, dovrebbe svolgere «attività ricreative e culturali, nonché attività nei settori dello sport; comprese quelle discipline ed attività di carattere educativo, pedagogico e di promozione sociale, oltre alle attività commerciali propedeutiche e/o collegate»; tutte attività estranee all’oggetto dell’affidamento;

gli uffici comunali hanno appurato che l’associazione non disponeva di partita iva, mentre, a causa dell’assenza di un archivio informatizzato, hanno appurato solo sommariamente, che vi sarebbe l’assenza di posizioni debitorie o di contenzioso dei membri dell’associazione nei confronti del comune, requisito fondamentale per poter ottenere l’affidamento;

l’associazione ha sede in Piano di Sorrento, Via San Giovanni n. 36, indirizzo dello studio tecnico del socio fondatore Pino Giuseppe Alberino, fratello del consigliere comunale, nonché capogruppo di maggioranza, Marilena Alberino, così come la stessa commissione consiliare permanente «Trasparenza su atti e gestione del comune» ha accertato il 16 ottobre 2017;

visti i dubbi sopra elencati, la citata commissione consiliare permanente il 26 ottobre ha chiesto la sospensione in autotutela dell’affidamento; tuttavia, agli interroganti non risulterebbe che ciò sia avvenuto;

i funzionari ai quali la citata commissione consiliare permanente ha chiesto opportune verifiche non si sono espressi, ritenendo sia il segretario comunale a doversi esprimere, in quanto titolare della Competenza in materia di «prevenzione della corruzione e trasparenza»; verifiche che non risulta siano avvenute;

agli interroganti risulta che, nonostante la richiesta di sospensione in autotutela, l’esecuzione dell’affidamento sia giunta regolarmente sino al termine del 31 dicembre 2017 e sia proseguita anche oltre in assenza della necessaria autorizzazione da parte del comune, almeno sino al 2 marzo 2018 quando con la determinazione n. 125, è stato autorizzato il proseguimento dell’affidamento sino al 31 dicembre 2019;

esiste una società che, a quanto consta agli interroganti, già ha lavorato per il comune, in particolare per la gestione di parcheggi a pagamento garantendo ingenti introiti nelle casse comunali, che tuttavia non sembrerebbe sia stata presa in considerazione per l’affidamento di cui sopra;

come riportato sui social network dal portavoce del sindaco dottor Vincenzo Califano, «Il servizio di parcheggio al mercato è cessato dal 1° aprile a seguito di espressa rinuncia dall’Associazione affidataria, presentata il 30 marzo. La motivazione è dovuta alla sopravvenuta rilevanza dei costi di gestione rispetto ai modesti introiti del parcheggio, in quanto secondo l’ispettorato del Lavoro le unità immesse in servizio dall’Associazione debbono essere inquadrate come dipendenti e soci volontari»;

agli interroganti, attualmente, non risulta che il parcheggio sia gestito da alcun ente, producendo un danno per le finanze pubbliche; non risulta inoltre che il comune abbia proceduto nei confronti dell’associazione per i mancati introiti né abbia proceduto ad affidare la gestione dell’area mercatale adibita a parcheggio ad altro soggetto –:

di quali elementi disponga il Governo circa la vicenda di cui in premessa;

se e quali verifiche siano state avviate in relazione ai profili fiscali dell’attività affidata all’associazione citata in premessa, con particolare riguardo al rispetto della normativa in materia di iva;

quali verifiche abbia svolto l’ispettorato del lavoro in relazione all’associazione di cui in premessa e quali ne siano le risultanze;

se il Governo intenda valutare se sussistano i presupposti per attivare verifiche da parte dei servizi ispettivi di finanza pubblica della ragioneria generale dello Stato e dell’ispettorato per la funzione pubblica presso il dipartimento della funzione pubblica, in relazione agli effetti che tali criticità potrebbero aver determinato sulla situazione amministrativo-contabile del comune di Piano di Sorrento.
(4-00370)”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Positano News, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.