Positano News - Notizie della Costiera Amalfitana Penisola Sorrentina Campania - Positano News

Champions League. La Juve all’assalto del Tottenham: Higuain dà la carica. Il Pipita e Dybala titolari

Il richiamo della Champions è troppo forte per non ascoltarlo. La sensazione di non aver tentato il tutto per tutto a Wembley sarebbe quasi peggio dell’eliminazione stessa, ecco perché stasera, contro il Tottenham, Allegri rilancerà Higuain dal primo minuto, insieme a Dybala. Un rischio calcolato e pesato alla luce della delicatezza di una sfida dentro/fuori, della voglia matta del Pipita e del trauma osseo smaltito (dolore compreso), al netto dei soli due allenamenti in gruppo. Basta il nome tra i convocati a metterei brividi agli inglesi, scottati dalla doppietta all’Allianz. «Molto felice di essere tornato con la squadra, andiamo a prenderci questa qualificazione. Forza ragazzi, tutti insieme si può fare!». Il Pipita carica via social un ambiente apparentemente impermeabile alle pressioni, almeno all’interno. Fuori si sfogliano i precedenti (nelle coppe europee la Juve è partita cinque volte da un 2-2 interno, passando il turno solo due volte) e si valuta l’incidenza delle assenze di Mandzukic, Cuadrado e Bernardeschi. Dentro invece c’è la tranquillità di chi ha piena consapevolezza nei propri mezzi, sfoggiata con leggerezza dai sudamericani Douglas Costa, Higuain e Dybala durante la rifinitura a Vinovo: due risate e qualche battuta scherzosa, tra uno scatto e un allungo. Segno che il Tottenham fa meno paura di quanto si dica, nonostante il 2-2 di Torino e un percorso netto in Europa: nessuna sconfitta nel girone H, dominato con 3 punti in più del Real Madrid. Wembley teatro dei sogni nella notte da leoni: azzannare per non essere sbranati. Mandzukic si è arreso all’affaticamento ai flessori della gamba sinistra, senza il croato il peso dell’attacco sarà distribuito sulle spalle di Dybala e Higuain, con la variabile Douglas Costa. Probabile un 4-4-1-1 con Douglas Costa (in ballottaggio con Sturaro), Khedira, Pjanic e Matuidi a centrocampo e i due argentini là davanti. In difesa Barzagli favorito su Lichtsteiner a destra, Alex Sandro a sinistra e la coppia centrale Benatia-Chiellini davanti a Buffon. «Dybala e Higuain giocano, anche se non sono al 100% faranno la prestazione. Bisogna vincerla prima dei supplementari, non abbiamo cambi dalla panchina. Douglas Costa? Ci sono buone probabilità che giochi, davanti possono giocare tutti e tre insieme, magari tolgo un centrocampista. È una finale. Rispetto all’andata dobbiamo migliorare tecnicamente per togliere a loro un po’ di palleggio e di occasioni», dice Allegri. Buffon pensa a un altro anno in bianconero: «Le mie riflessioni combaciano con quelle di Agnelli, ma ora è il momento di pensare solo al Tottenham». Senza Aurier (squalificato) e l’indisponibile Alderweireld, Pochettino non si fida di Higuain. «Gonzalo è uno degli attaccanti più forti del mondo, assieme a Kane, servirà una gara perfetta, siamo in un buon momento, la qualificazione è assolutamente alla portata. Cinque anni fa volevo portare Astori a Southampton, era un grande professionista e una persona squisita». Ieri sera si sono giocate le prime due partite di ritorno degli ottavi di finale. Il Real Madrid ha vinto 2-1 a Parigi: gol di testa di Cristiano Ronaldo, il pari del Psg di Cavani (con i francesi in dieci per l’espulsione di Verratti) gol vincente di Casemiro (tiro deviato). Al Liverpool basta lo 0-0 contro il Porto per passare dopo il trionfo dell’andata per 5-0. (Edoardo Verri – Il Mattino)

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Positano News, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.