Positano News - Notizie dalla Costiera Amalfitana Penisola Sorrentina Campania - Positano News

Sarno. Aggredito e insultato Francesco Nozzolino: accerchiato da una gang, nessuno mi ha aiutato

Sarno. Accerchiato e insultato da un gruppo di ragazzini, Francesco Nozzolino, volto noto della Tv, denuncia: «Sono stato aggredito e filmato. Il video è finito online». È stato rincorso sulla strada principale del centro cittadino di Sarno, la città dove vive, bullizzato tra risate e cellulari che hanno immortalato il momento; un video di 57 secondi che, poi, è stato dato in pasto al web. Immagini divenute virali in pochi minuti tanto che lo stesso Nozzolino le ha rese pubbliche denunciando quanto accaduto. Il fatto si è verificato nella mattinata di ieri, in corso Amendola, strada centralissima che lambisce piazza Cinque Maggio gremita di persone e famiglie. Francesco Nozzolino, residente a Sarno, volto noto della Tv, ospite del salotto di Canale 5 di Barbara D’Urso, personaggio fisso di Avanti un Altro con Paolo Bonolis, si è ritrovato vittima di un gruppo di giovanissimi che lo ha preso di mira con delle bombolette spray. Accompagnato dal padre stava raggiungendo la stazione della circumvesuviana, quando almeno dieci ragazzini, di 10 e 12 anni, lo hanno raggiunto, accerchiato ed apostrofato con termini denigratori ed offensivi. Armati di bombolette spray, i ragazzi lo hanno colpito con getti di schiuma. A nulla sono valsi i tentativi del giovane di allontanare i molestatori e nessuno presente in piazza è intervenuto in suo soccorso. È stato il padre a raggiungerlo e ad inveire contro i bulli perché la smettessero. Il video, girato probabilmente da uno del gruppo, è finito subito sulle piattaforme social. Francesco ha denunciato tutto. Divenuto popolare grazie alla partecipazione al programma Ciao Darwin, come «bucatino», ha raccontato amareggiato la vicenda che lo ha visto suo malgrado protagonista. «Stavo raggiungendo la stazione insieme a mio padre per prendere il treno – ha spiegato – e ci seguivano dei ragazzini con i cellulari in mano per fare video e foto, fin qui tutto normale. Poi hanno iniziato ad aggredirmi riempiendomi di schiuma. Tra l’altro è stato anche diffuso il video di quanto accaduto. Sono adirato. Mi chiedo in che mondo viviamo visto che non si ha più neanche la libertà di passeggiare con serenità. Sono stato alla mercé di un branco di ragazzini di 10 e 12 anni che, forse, non sanno cosa siano l’educazione e la legalità. Purtroppo, come al solito, prevale l’ignoranza». (Rossella Liguori – Il Mattino)

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Positano News, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.